lunedì 16 ottobre 2017

Alla scoperta della Val Borbera lungo la via del Sale

Partendo da Vignole Borbera (AL), a pochi chilometri dall'uscita dell'A7, e imboccando la strada che corre lungo il torrente "Borbera" da cui il nome della Valle, si giunge a Borghetto di Borbera. Da qui si apre uno degli spettacoli naturali più suggestivi della zona: le Strette, una gigantesca gola ricca di anse e meandri, lunga quasi 10 chilometri, che arriva fino a Cantalupo Ligure disegnando un paesaggio di contrasti straordinari, dalle cime tondeggianti dei rilievi alle spaccature del fondovalle.

Agosto 2016: da Stazzano alle Capanne di Cosola (tutte le foto)

Questa spettacolare gola fluviale raggiunge in certi punti profondità fino a 100 metri e divide la bassa Val Borbera essenzialmente di natura pianeggiante dall'alta Val Borbera, più montuosa e accidentata, che sale sino alla cima del Monte Chiappo (1.700 m)
In questo punto alcune aree attrezzate e una scala che consente l'accesso al torrente rendono la sosta davvero piacevole. È questa sicuramente la zona più caratteristica e famosa dell'intera valle, resa ancor più celebre dalle gesta dei partigiani: qui nell'agosto del 1944 si svolse la battaglia di Pertuso, uno degli episodi più crudi della Resistenza e oggi, a ricordo di quei giorni, è stata eretta la Stele della Pinan Cichero, il Monumento al Partigiano.
Da Pertuso, si sale fino a Rocchetta Ligure, dove la valle si sdoppia alla confluenza tra il torrente Sisola e il Borbera. Uscendo dall'abitato, verso sud , lungo l'antica via del sale si incontra un nucleo di case quattrocentesche preesistenti al “Borgo Nuovo” di Rocchetta Ligure, chiamate “I Marughi” dal cognome degli antichi abitanti e proprietari, con la rustica porta di Valle Sisola, punto di sosta per il pagamento del dazio.
A Mongiardino Ligure doverosa sosta all'azienda Agricola vallnostra per scoprire come nasce il formaggio più raro del Mondo Il Montebore, presidio slow food e assaggiare i piatti della tradizione delal Valle cucinati da Agata.
Proseguendo si arriva Roccaforte Ligure si può davvero considerare un museo a cielo aperto. Questo minuscolo paesino "conquistato" dopo aver lasciato le sponde del Borbera, e al termine di un'ardita salita di oltre 300 metri di dislivello, conserva illustri tesori del passato. Qui nel 1882 venne scoperta l'Ara delle Matrone, altare votivo in pietra arenaria, prova della presenza romana nella valle e uno dei più importanti ritrovamenti archeologici della zona, oggi conservato nelle stanze del Municipio.
Continua qui




A casa con uno zaino pieno di emozioni: il viaggio di Stefania


CASALE MONFERRATO (AL) – Stefania Miravalle ce l’ha fatta. Il suo viaggio a piedi dal Messico al Canada in sei mesi è riuscito. Stefania, 31 anni, laureata allo Scientifico Balbo di Casale e ora dipendente di una azienda a Londra, era partita il 12 aprile per percorrere oltre 4 mila chilometri e aiutare Casa Hogar Illary’Ika, una casa di orfani in Perù. Al rientro dal suo viaggio l’abbiamo raggiunto per farci raccontare la sua avventura.

Come è stata questa esperienza?

Questa esperienza mi ha cambiato la vita. Ogni volta che prendo un caffè ora mi sento fortunata. Mi ha insegnato cosa vuol dire stare senza luce, con poco cibo, con solo l‘acqua che mi portavo sulle spalle per bere e per cucinare.  Anche se naturalmente ogni 6-9 giorni sapevo che ci sarebbe stata una città, una doccia e avrei avuto la mia brava carta di credito per comprare cibo e ricaricare il mio telefono, ogni volta che mangiavo una barretta veramente dovevo pensare se quelle rimanenti erano abbastanza per arrivare al rifornimento successivo. Con questo, non voglio dire che capisco perfettamente tutto quello che provano le persone meno fortunate di me, ma almeno posso comprendere il significato delle immagini o delle parole di chi deve percorrere ogni giorno chilometri e chilometri per accedere ad una sorgente d’acqua, o chi fugge dalla guerra e viene criticato per avere uno smartphone. Se dovessi perdere tutto, se dovessi scegliere un solo oggetto da portare con me, se dovessi lasciare tutto quello che ho, compreso il mio zaino, sceglierei il mio telefono

Continua qui

venerdì 13 ottobre 2017

13^ Camminata d'autunno a Castelletto d'Orba (AL)


L'Associazione "Insieme per Castelletto d'Orba" organizza
Domenica 15 Ottobre 2017
la 13ª Edizione della Camminata d'Autunno
partenza parcheggio Volta ore 14:00
arrivo in piazza S. Lorenzo verso le 16:00/16:30

RINFRESCO FINALE PER TUTTI I PARTECIPANTI
CON FRITTELLE E DOLCI DELLA TRADIZIONE CONTADINA
LA PARTECIPAZIONE E' GRATUITA

in caso di pioggia la manifestazione sarà rinviata alla domenica successiva.


Fonte

giovedì 5 ottobre 2017

Alto Adige, volo di 200 metri. Muore bambino di 8 anni

E' precipitato davanti agli occhi di genitori e fratelli. Tragica escursione in Val Pusteria

 

Trento, 5 ottobre 2017 - Un volo di 200 metri che non gli ha lasciato scampo. E' morto così un bambino tedesco di 8 anni, precipitato mentre stava facendo un'escursione in Alto Adige. I genitori e i fratelli che erano con lui l'hanno visto scivolare all'improvviso nel dirupo, senza poter fare nulla.

La famiglia si trovava su un sentiero attrezzato vicino ai Laghi di Campolago, nella zona di Maranza all'inizio della Val Pusteria. Aveva da poco superato un passaggio impegnativo che dalla stazione a monte di una funivia a quota 2.400 conduce ai laghi, quando il piccolo è inciampato, cadendo giù. Il padre ha subito chiamato il 118 ma quando l'elicottero della protezione civile da Bolzano ha raggiunto il bambino, per lui non c'era più niente da fare.

Continua qui

mercoledì 4 ottobre 2017

Forti, Parchi e creuze. Torna la Giornata Nazionale del Camminare

Genova - Sesta edizione, diversi percorsi in città. E tanti, molti, passi. Da mettere uno dopo l’altro. Sono i numeri della Giornata Nazionale del Camminare che si terrà anche a Genova. Appuntamento per l’ 8 ottobre con tante proposte per tutti i tipi di camminatori. Allacciate le stringhe!

Camminare, perché?

Il camminare non è solo una sana abitudine che fa bene al corpo e allo spirito. E’ questo il credo della FederTrek , che promuove la Giornata su scala nazionale, e che vive il camminare anche come un impegno civile. Un gesto naturale per un nuovo stile di vita che renda marginale l’uso dell’auto e contribuisca allo sviluppo sostenibile.

La Giornata del Camminare 2017, a Genova, prevede sette percorsi principali, ideati dalle associazioni Trekking Italia, MyTrekking e Genovapiedi, che partono da Piazza Caricamento, alle ore 9, per attraversare la città raggiungendone diversi luoghi simbolo.

Il CAI Ligure Genova e il CAI Sampierdarena propongono invece due percorsi collaterali, che si sviluppano sulle alture dell’entroterra cittadino. L’evento vede inoltre la collaborazione dell’ASL3 Genovese che partecipa alla giornata con i suoi gruppi di cammino.
Tutte le informazioni su come partecipare sono sul sito www.giornatadelcamminare.org e sulla pagina Facebook dell’evento www.facebook.com/giornatagenova e sui siti delle singole associazioni che hanno aderito alla Giornata.

La proposta di My Trekking
Anche l’associazione genovese My Trekking propone quattro diversi percorsi per la Giornata del camminare.

Percorso 1: la Lanterna. 4 km di lunghezza in circa due ore. All’arrivo ci sarà la possibilità di visitare la Lanterna con offerta libera o con adesione all'associazione "Amici della Lanterna" che si occupa della cura e promozione del monumento insieme alla Fondazione Labò.

Il secondo percorso porta a Forte Begato. 6 km in circa 3 ore con un dislivello di 518 mt. Un percorso tra creuze in salita, con, all’arrivo, la possibilità di partecipare alla visita guidata gratuita del Forte.

Continua qui



 

sabato 30 settembre 2017

Gremiasco (AL): Area archeologica - naturalistica del Guardamonte

Storia del sito:
L’area denominata “Guardamonte” è collocata geograficamente sulle pendici meridionali del Monte Vallassa fino allo spartiacque che la sommità del monte stesso costituisce tra la provincia di Alessandria e quella di Pavia (comuni di Gremiasco, Ponte Nizza e Cecima).
Le prime indagini archeologiche furono intraprese negli anni Cinquanta, in seguito a rinvenimenti fortuiti, dalla Soprintendenza archeologica del Piemonte, a cui fecero seguito sporadiche ricerche negli anni Settanta, solo parzialmente documentate. Nel 1994 il gruppo Grotte di Acqui e quello di Novara, reperirono una grotta con segni di crollo, esplorandola e rilevando sia la prima parte, sia la seconda parte della grotta alla quale si accede tramite un passaggio disostruito artificialmente con l’asportazione del terriccio che lo occludeva. A partire dal 1995 l’Università degli studi di Milano, diede avvio a un progetto di ricognizioni e scavi nell’area interessata dalla presenza dell’insediamento. Le indagini tuttora in corso hanno messo in evidenza una complessa situazione insediativa a partire dal Neolitico medio fino all’epoca romana, probabilmente alto-imperiale.

Descrizione del sito:
Le prime frequentazioni dell’altura sono da riferire al V millennio a.C., per il Neolitico finale e per la successiva età del Rame (tra la seconda metà del III e la seconda metà del II millennio a.C. ); molto interessanti i frammenti riferibili alla Cultura del vaso campaniforme. Testimonianze più significative sono comunque riferibili all’età del Bronzo, in particolare a un periodo compreso tra una fase avanzata del Bronzo medio e una iniziale del Bronzo recente (XVI-XIII sec. a.C.). e illustrano l’attrattiva che il monte doveva rappresentare per i gruppi umani che si sono succeduti in queste valli, e che culminò con la fondazione di un abitato già a partire dal XV sec. a.C.

Continua qui

Descrizione dei ritrovamenti


Anello di Guardamonte




mercoledì 27 settembre 2017

Venerdì 29 settembre a Rocchetta Ligure (AL)

Un incontro davvero molto molto interessante a Palazzo Spinola. Vi aspettiamo VENERDÌ 29 SETTEMBRE alle ore 21.00

giovedì 21 settembre 2017

Il Rifugio sul Monte Antola compie 10 anni: escursione con festa e incontro

Domenica 1 ottobre, appuntamento al Parco dell'Antola con una giornata di festa e incontro per il decennale del rifugio sul Monte Antola. In programma:
  • ore 07.45, escursione guidata da Casa del Romano (info 010 944175).
  • ore 10.30, aperitivo di benvenuto.
  • ore 11, Appennino, uomini e rifugi, parole e idee sui nostri monti: incontro con Marco Albino Ferrari, scrittore, giornalista e direttore della rivista Meridiani Montagne (Editoriale Domus).
  • ore 12.30, pranzo con polenta al sugo di salsiccia o polenta e gorgonzola per tutti.
  • ore 14, brindisi con le Autorità per i primi 10 anni del rifugio.
  • ore 14.30, immagini e storie 2007 - 2017.
Il monte Antola si trova al culmine delle valli Scrivia, Trebbia e Borbera, al centro dell'area culturale delle Quattro Province (Genova, Alessandria, Pavia, Piacenza). Da sempre esso è il crocevia delle attività umane di questo tratto di Appennino: prima per necessità, poi per "avventura", oggi per svago e sport.

Genova - La sua panoramica vetta offre la vista di una vasta porzione dell'Italia Nord Occidentale e da sempre è la "montagna dei genovesi". Zona cruciale durante la guerra di Liberazione, la sua storia è ricca di vicende “di uomini e natura” che si intrecciano in un legame indissolubile, oggi focalizzato nel nuovo Rifugio Parco Antola, moderno edificio costruito dall’Ente Parco nel 2007 e gestito dalla Sezione Ligure del CAI attraverso Silvia e Federico Ciprietti, che ha sostituito i ricoveri pionieristici. I rifugisti, la Sezione Ligure del CAI e il Parco dell’Antola lavorano per rendere il monte ancora un luogo "centrale" di queste vallate: non periferia d'altura vista dal basso, ma baricentro montano non solo delle attività outdoor ma anche, in qualche modo, delle attività culturali, sociali, religiose della zona.

Continua qui

venerdì 15 settembre 2017

Assiderato sulle Alpi e riportato alla vita alle Molinette: la temperatura corporea era di 24 gradi

Un giovane atleta stava sfidando per conto suo i sentieri della Tor des Géants


Torino
Morto ad un passo dal cielo, è «resuscitato» alle Molinette, in una stanza della Rianimazione, dove tecnica e scienza medica sfidano la regole della vita. È la storia di un giovane indonesiano di 25 anni trovato assiderato lungo i sentieri di montagna dove si sta correndo la «Tor des Géants», corsa per «giganti», una gara massacrante per muscoli e mente, attraverso il Parco Nazionale del Gran Paradiso e quello Regionale del Mont Avic. Una corsa a numero chiuso, per pochi eletti, «la prima ed unica gara - si legge sul sito dell’organizzazione - che unisce la lunga distanza all’individualità del corridore, non sono imposte dall’organizzazione tappe forzate, vincerà chi metterà meno tempo gestendosi i riposi e le fermate ai ristori». Ma l’altro ieri, lungo uno di questi sentieri, un corridore «imbucato», non iscritto, che stava provando per conto suo a raggiungere il celo, è stramazzato a terra.

Continua qui


giovedì 14 settembre 2017

Camminantola, domenica 17 settembre: Caprieto-Bric delle Camere

Il Bric delle Camere
Dal borgo di Caprieto (837m) in alta Val Vobbia si intraprende il panoramico sentiero che conduce al Bric delle Camere (1018m) e all'erbosa Alpe di Cassissa godendo di una vista privilegiata sul Castello della Pietra, sul M. Reale e sulle Rocche del Reopasso. Pranzo al sacco e rientro a Caprieto percorrendo il medesimo itinerario

Durata: giornata intera
Punto di ritrovo: Caprieto

Fonte

martedì 12 settembre 2017

Camminate Piacentine: il Monte Alfeo

Il Monte Alfeo Una breve ma intensa escursione alla conquista di uno dei “giganti” del nostro Appennino

Fonte immagine
La catena montuosa che segna lo spartiacque tra Scrivia, ad ovest, e Trebbia, ad est, si allunga con ondulate dorsali rivestite di prati e di boschi, interrotte da diverse cime che superano i 1600 metri di altitudine: tra queste spicca per la sua bellezza e imponenza il monte Alfeo, maestosa montagna del gruppo del monte Antola, che si eleva isolata tra le valli Trebbia, ad est, Boreca a nord e ovest, e Dorbera a sud. Il versante nord-occidentale è ripido e fittamente boscato fino alla cima, e ospita alcune tra le più suggestive borgate dell’appennino piacentino: Tartago, Belnome, Pizzonero e Suzzi. Il fianco meridionale del monte, invece, è coperto dai faggi fino alla quota di circa 1500 metri, mentre la sommità, a forma di cupola, è occupata da un’ampia prateria. La vetta del monte, esposta ai venti carichi di umidità provenienti dal vicino mar Ligure, è spesso incorniciata dalle nuvole; vista da nord assume un aspetto cupo e minaccioso, tale da incutere un senso di timore e di rispetto, ed è stata probabilmente oggetto di culto da parte delle popolazioni liguri che abitavano le vallate circostanti in epoca neolitica, come dimostrerebbe il ritrovamento di un bronzetto votivo sulla sommità del monte, verificatosi durante i lavori di scavo per la posa della statua della Vergine.

Continua qui

lunedì 11 settembre 2017

Il Monte Lesima...

Il Monte Lesima, 1724 metri, si trova al confine fra le Province di Piacenza e di Pavia (di cui costituisce il punto più elevato).

La vetta è facilmente riconoscibile anche da lontano, perchè in cima è posto un radar per il controllo del traffico aereo.



Il Lesima fotografato dal Monte Chiappo

La montagna è caratterizzata dalla presenza di ampi fianchi erbosi ed è facilmente raggiungibile da diverse direzioni. Soltanto la sua parete est si presenta scoscesa.

E' possibile salire sul Lesima addirittuta percorrendo (a piedi) la stradina asfaltata al servizio del radar. E' preferibile però scegliere altri percorsi. Io sono salito dai Piani di Lesima (circa 1250 metri di quota) dapprima seguendo una stradina asfaltata e poi attraverso i boschi (con segnalazioni presenti). Anche dai Piani di Lesima si tratta di un' escursione molto facile che, prendendosela comoda, richiede un' ora e mezza per raggiungere la vetta.


Continua qui (con tutte le foto dei panorami dal Lesima)

sabato 9 settembre 2017

Alpinista della provincia di Alessandria muore nella scalata in solitaria sul Monte Bianco: forse colpito da una scarica di sassi

Precipitato nel ghiacciaio terminale, stava salendo sulla via Major del versante della Brenva. È partito dal rifugio all’una di notte

Massimo Putzu
Alessandria
Uno scalatore di 21 anni della provincia di Alessandria è morto durante una scalata sul massiccio del Monte Bianco. L’incidente è avvenuto sulla via Major del versante della Brenva. È probabile che a causare la tragedia sia stata una scarica di sassi o ghiaccio che l’ha colpito facendolo precipitare nel crepaccio terminale. Oppure che sia scivolata una placca a vento, massa di neve instabile. L’alpinista alessandrino stato così trascinato per almeno 300 metri.

L’allarme è scattato verso le 18 di oggi 8 settembre vedendo che lo scalatore, in vacanza a Courmayeur, non rientrava. Era partito all’’una di notte dal rifugio da solo per l’impegnativa ascensione. Aveva già compiuto scalate in solitaria di grande difficoltà sia sul massiccio del Monte Bianco che sul Cervino. Era infatti conosciuto come un alpinista di grande talento, nonostante la giovane età.

Continua qui

venerdì 8 settembre 2017

Marcarolo, le miniere diventano grotte di biodiversità




L'Ente di gestione delle Aree Protette dell'Appennino Piemontese ha avviato un progetto di riqualificazione delle miniere d'oro del Parco Capanne di Marcarolo per tutelare gli habitat ipogei e le specie di interesse comunitario presenti al loro interno e, nel contempo, valorizzare il complesso dei siti minerari

Il circuito di fruizione culturale promosso dal progetto di riqualificazione delle miniere d'oro del Parco Capanne di Marcarolo che ha l'obiettivo di tutelare gli habitat ipogei e le specie di interesse comunitario presenti al loro interno e valorizzare il complesso dei siti minerari, farà capo al costituendo Museo dell'Oro, polo scientifico informativo dell'intero complesso delle Aree Aurifodine.

L'iniziativa di valorizzazione dei siti minerari delle Valli Piota e Gorzente si inserisce in un contesto ambientale e storico di elevato interesse, afferente al territorio dell'Appennino compreso tra la Val Lemme e le Valli Stura e Orba.
 
Il baricentro dell'Area interessata, sia dal punto di vista paesaggistico che geomorfologico, è stato individuato lungo l'asse Lago della Lavagnina / Valle del Rio Moncalero.
Lungo questa direttrice è localizzata la maggior parte dei siti minerari ancora accessibili e da qui si dipartono le principali vie di accesso al complesso dei cumuli di ciottoli derivanti dalla lavorazione dei minerali pregiati (le Aurifodine). Proseguendo infatti lungo il Torrente Gorzente, a valle dell'invaso, si raggiunge la località Cravaria, la confluenza con il Piota e di seguito la confluenza di quest'ultimo con l'Orba. Lungo questo itinerario sono presenti i cumuli lapidei dei lavaggi auriferi, che vengono tradizionalmente attribuiti all'epoca romana. Il Lago della Lavagnina si configura quindi come punto di interpretazione privilegiato dell'intero complesso geologico minerario delle Aurifodine, avente nel percorso didattico delle ex miniere d'oro delle Valli Gorzente e Piota e nel Museo dell'Oro (la cui realizzazione è prevista presso i locali della Centrale Vecchia della Lavagnina) le basi strutturali per le offerte di informazione didattica, culturale e turistica del territorio.

Continua qui

Cammino di Santiago, trovato morto un pellegrino tedesco

Un pellegrino tedesco di 48 anni è stato trovato in un fosso, nei pressi di Borguete vicino a Roncisvalle riverso con la faccia a terra. Inutili i soccorsi 

E' stato trovato lunedì scorso verso le 22 il corpo senza vita di un pellegrino tedesco di 48 anni di cui non sono ancora state rese note le generalità. L'uomo è stato trovato in un fossato, riverso faccia a terra e con lo zaino in spalla nei pressi di Borguete (Auritz in lingua basca), vicino a Roncisvalle, sulla strada N-135 all'altezza del chilometro 43 da un automobilista che ha immediatamente avvisato i soccorsi. Giunti sul posto poco dopo, i soccorritori hanno cercato di rianimare il pellegrino tuttavia senza successo e, il medico legale, non ha potuto fare altro che certificarne il decesso.

Continua qui

mercoledì 6 settembre 2017

TRAGEDIA SUL MONVISO, LA VITTIMA È DI GIAVENO: AVEVA PORTATO IL FIGLIO DI 8 ANNI SULLA PARETE

MONVISO (CN) – Tre alpinisti sono precipitati durante la discesa dal Monviso (3848 m) in Provincia di Cuneo lungo la via normale che percorre la parete sud. Uno di essi, R. V. 53 anni residente a Giaveno è deceduto a causa dei traumi. L’incidente è accaduto intorno alle ore 11 di questa mattina quando una cordata composta da un uomo e un minorenne è caduta nei pressi del passaggio dei Fornelli a una quota di 3750 m circa, coinvolgendo anche una donna di nazionalità francese che procedeva autonomamente. L’allarme è giunto presso la Centrale Operativa del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS Piemonte) lanciato via radio da una Guida Alpina e Tecnico del Soccorso Alpino che si trovava sul posto con i propri clienti. Immediatamente è decollata l’eliambulanza del 118 in base a Cuneo-Levaldigi e sono state mobilitate le squadre a terra del CNSAS Piemonte. Il Tecnico di Elisoccorso e il medico sbarcati sul luogo dell’incidente hanno constatato il decesso dell’uomo e hanno deciso di ricondurre per primo a valle il ragazzo che presentava traumi di lieve entità. In seguito, anche la donna è stata prelevata e condotta con il giovane all’Ospedale di Savigliano. Nel frattempo, dalla base di Torino è decollato un secondo elicottero del 118 per tentare il recupero della salma che non è stato possibile a causa del peggioramento delle condizioni meteo.

Continua qui

Domenica è in programma una passeggiata per i boschi di Seborga, iscrivetevi per tempo


Domenica 10 Settembre 2017 i Comuni di Seborga e dell’Escarène organizzano una passeggiata panoramica nei boschi di Seborga. Le iscrizioni sono aperte a tutti , per il programma consultare il sito www.proseborga.it .
Ritrovo e iscrizioni: dalle ore 8.30 alle 9.00  in piazza Martiri a Seborga.
Magnifico itinerario panoramico
Percorso ad anello Seborga, passo del Bandito,Seborga (4 ore circa) ristoro: al Passo del Bandito.
Aperitivo offerto dal Comune di L’Escarène
Pranzo ore 13.00 sulla grande piazza.
Iscrizioni aperte a tutti : 14 euro con omaggio di una T-shirt,
servizio ristoro e pranzo
Menu bimbi 8,00 euro (da 0 a 10 anni)
ore 15.00 visita guidata  gratuita e  omaggio ai partecipanti  del “luigino” coniato durante la dimostrazione a martello.
Per informazioni : 0184 223622 – 0184 223859
turismo@proseborga.it

Continua qui

Siccità, in secca le sorgenti del Po

Ai 2.020 metri di Pian del Re, dove nasce fiume più lungo Italia

Le sorgenti del Po sono in secca. Un evento che si registra raramente, conseguenza delle siccità che ha colpito il Piemonte, e non solo.

Ai 2.020 metri di quota del Pian del Re, alla base del Monviso, accanto alla pietra scolpita con la celebre frase "Qui nasce il Po", dalla roccia non esce una goccia d'acqua.

Continua qui

domenica 3 settembre 2017

Quanto costa il Soccorso Alpino?

Quanto costa il Soccorso Alpino in caso di chiamata d'emergenza?

Può capitare durante un escursione in montagna che ci sia la necessità di chiamare aiuto, la struttura che si occupa di intervenire è il Soccorso Alpino, contattabile attraverso il 118.
Il Soccorso Alpino fa riferimento al servizio sanitario nazionale tranne il alcune regioni d'Italia, Veneto, Trentino Alto Adige, Valle d'Aosta, Lombardia e Piemonte. Il costo del soccorso alpino in tutte le regioni d'Italia tranne quelle appena sopra citate è sempre gratuito.
 In queste regioni invece i costi cambiano, ecco in dettaglio regione per regione quali sono i costi da affrontare:
 
VENETO
L'intervento si paga anche in presenza di un ferito con costo al minuto:
  • ferito grave: 25 euro al minuto fino ad un massimo di 500 euro.
  • ferito lieve: 75 euro al minuto fino ad un massimo di 7500 euro.
  • persona illesa: costo totale dell'intervento.
TRENTINO ALTO ADIGE
L'intervento si paga anche in presenza di un ferito con costo a ticket fisso:
  • ferito grave: ticket di 30 euro.
  • ferito lieve: ticket di 110 euro.
  • persona illesa: ticket di 750 euro, elisoccorso da 140 euro al minuto.
VALLE D'AOSTA
 
L'intervento in caso di ferito è gratuito, mentre si paga l'intervento immotivato.
Se la persona è illesa il costo è di 115 euro al minuto fino ad un massimo di 3500 euro
 
LOMBARDIA
La lombardia dal marzo 2015 si è aggiunta alle regioni con gestione sanitaria separata.
  • soccorso di ferito non impegnativo con ambulanza 56 euro l'ora.
  • soccorso di ferito mediamente impegnativo con ambulanza 70 euro l'ora.
  • soccorso di ferito impegnativo con ambulanza 115 euro l'ora.
  • squadre a terra del CNSAS 95 euro l'ora.
In ogni caso l'utente non potrà pagare una cifra superiore a 780 euro.
Per i residenti della Lombardia è prevista una riduzione del 30%.
PIEMONTE

Il Piemonte dal 1gennaio 2016 si è aggiunta alle regioni con gestione sanitaria separata.
  • chiamata e recupero con conseguente ricovero in pronto soccorso: gratuita.
  • negl'altri casi 120 euro di costo fisso più 120 euro di costo al minuto di volo.
  • Se la chiamata è stata causata da un utilizzo di dotazione non adeguato o dalla scelta di percorsi non adatti per capacità o rispetto di divieto il costo arriva massimo ad un tetto di 1000 euro.
  • Se la chiamata è totalmente immotivata (scherzo ecc...)  il costo è totale all'intervento
 
 
Continua qui

Sentiero 108: sul Monte Chiappo partendo da Salogni (AL)

Undicesima puntata della rubrica “In cammino”, una selezione di percorsi del nostro territorio che il Cai ha censito, mappato e segnalato sul campo. La rassegna prevede sentieri per ogni tipo di preparazione, dalle passeggiate alle escursioni più lunghe e difficili, fino alle mete per i più esperti

IN CAMMINO - Il Monte Chiappo (1699 m) è una caratteristica piramide erbosa, posta nel cuore della zona delle quattro province, che sovrasta le valli Staffora, Boreca, Borbera e Curone e costituisce, in ordine di altezza, la terza vetta del gruppo Antola, dopo i monti Lesima ed Ebro. Sulla sua vetta si trova il confine tra le province di Piacenza (che possiede il versante sud e quello est del monte), di Alessandria (che ha il versante ovest e una parte di quello nord) e di Pavia (che possiede una piccola parte del versante nord).

Sul confine tra le province di Piacenza e Pavia parte la seggiovia che collega la vetta del al paese di Pian del Poggio in cui si trovano anche delle piste da sci alpino; a pochi chilometri di distanza si trova Capannette di Pej, anch'esso fornito di pista da sci utilizzabile quando le caratteristiche meteorologiche lo consentono. Sul Monte Chiappo transitava la via del sale lombarda che, partendo da Pavia, risaliva la valle Staffora, saliva al monte Bogleglio, percorreva tutto il crinale tra la val Boreca e la val Borbera e, dopo il monte Antola, scendeva a Torriglia per raggiungere Genova.

Oggi segnaliamo il percorso con cui si può raggiungere il Monte Chiappo percorrendo il sentiero che parte da Salogni, identificato come Sentiero 108 “Salogni - Monte Chiappo” della zona Tortona e val Curone.

Continua qui

 

Cantine a Nord Ovest: a Gavi domenica 10 Settembre 2017 dalle 0re 10.00 alle 18.00

Calendario Cantineanordovest 2017

 Scarica il pieghevole

 

venerdì 1 settembre 2017

Prosciugato il Pilato! Per siccità estrema scompare "Lago con gli occhiali"

E' completamente evaporata l'acqua del Lago di Pilato, gioiello naturalistico situato a 1900 metri di quota in pieno Parco Nazionale dei Monti Sibillini, sul territorio delle Marche. La causa del prosciugamento deriva unicamente dal caldo e dalla forte penuria di precipitazioni (che si protrae dallo scorso inverno) e non dai sismi dell'ultimo anno, come evidenziato in uno studio dell'Ordine dei Geologi delle Marche.


A RISCHIO SOPRAVVIVENZA DI UNA SPECIE ACQUATICA RARISSIMA
Il lago, citato comunemente per i suoi occhiali che ne contraddistinguono la forma, è noto anche per essere l'abitat del Chirochefalo del Marchesoni, un rarissimo crostaceo presente solo da queste parti.

Continua qui 

Caldo estremo: ghiacciai in sofferenza, incredibile ritrovamento

Siccità estrema non solo sull'Italia: spunta un antico borgo sommerso

Domenica 3 settembre: Sui sentieri di Nanni Zunino

Organizza il Cai di Acqui Terme (AL)



Escursione sul sentiero che da località Pesca in Valle Erro porta a Cimaferle, fra boschi brughiere e calanchi. Ritrovo nel piazzale della Pesca alle 9 per iscrizione e colazione, il sentiero è circa 8 km prevalentemente in salita, si percorre in 2,5 ore. Pranzo presso la Pro Loco di Cimaferle con la tradizionale pasta e fagioli e bollito misto. Rientro dopo pranzo lungo la variante breve del sentiero.
Il sentiero è indiacato con segnavia bianco rosso, saranno presenti accompagnatori CAI. Quota di partecipazione €15 comprensiva del pasto.
Il ricavato sarà impiegato dal CAI per lo sviluppo ed il mantenimento della rete sentieristica locale.
Tutte le info in locandina.
Valter 348 6715788


SENTIERO LA PESCA - CIMAFERLE

 

 

giovedì 31 agosto 2017

Idea regalo: A un passo dalla vetta


I più affascinanti trekking sull'appennino delle 4 province
Volume 1

Dettagli:

Tipologia di libro: guida

Anno: 2017

298 pagine

ISBN: 9791220003230
Condividi
A UN PASSO
DALLA VETTA

Richiedi una copia a: aunpassodallavetta@outlook.it

Una terra di contrasti, racchiusa tra la pianura padana ed il mare: l’appennino delle quattro province è un territorio privo di confini ben definiti, che accomuna zone unite da una profonda identità storico-culturale. “Un’isola tra i monti”, per dirla con le parole di Fabrizio Capecchi, racchiusa tra le dorsali appenniniche appartenenti alle province di Alessandria, Genova, Pavia e Piacenza.
Dai panoramici crinali alle vecchie mulattiere, dai villaggi isolati ai paesi fantasma, laghi, castelli e cascate: un viaggio sui sentieri delle quattro province attraverso cinquanta trekking da percorrere lentamente, all’insegna della serenità e del rispetto del territorio.



Scopri i rivenditori



Nei ghiacciai alpini trovati sostanze radioattive e metalli pesanti...



Nei ghiacciai alpini trovati sostanze radioattive e metalli pesanti come cesio, americio e bismuto. Una "eredità" dei test nucleare degli Anni 60 e gli incidenti di Chernobyl e Fukushima.

Continua qui

Lettera 43 su Facebook


Nuovi ritrovamenti nei ghiacciai in fortissima crisi per super caldo

 

 

9/10 settembre la val Formica - Altopiano di Asiago (VI)


La salita al compatto e austero bastione del monte Portule è, meritatamente, una delle escursioni più frequentate e remunerative dell'altopiano di Asiago e degli altipiani trentini.L’Altopiano dei Sette Comuni costituisce un vasto settore delle Prealpi venete. Lo racchiudono da ovest la Valle del Centa e quella del fiume Astico, a nord la Val di Sella e la Valsugana, ad est il canale del Brenta, a sud, infine, degrada verso la pianura vicentina con una lunga successione di rilievi collinari. La catena montuosa settentrionale, laddove l’Altopiano raggiunge le quote più elevate, si estende ad arco, da ovest ad est. Iniziando dallo Spritz Verle m 1908 s.l.m., l’orlo dell’Altopiano è costituito dalle seguenti cime, quasi tutte superiori ai duemila metri: Cima Mandriolo, Cima Larici, Cima Portule, Cima Dodici, Cima Undici, Monte Castelnuovo, Monte Ortigara, Cima Caldiera, Porta Molina e Castelloni San Marco. Al centro i monti dell’acrocoro sommitale convergono verso una vasta conca, leggermente ondulata. All’estremità orientale dell’arco montuoso, il rilievo s’attenua nella Piana di Marcesina, mentre verso sud, cioè verso la conca centrale, si dipartono numerose dorsali ed altrettante valli, due delle quali risultano particolarmente incise e profonde: ad ovest la Val d’Assa e ad est la Valle di Campomulo-Frenzela. L’Altopiano ha un estensione di circa 466,68 kmq. Tale misura, però, è relativa solo ai comuni attuali, ed esclude quindi i territori di altri comuni confinanti della fascia pedemontana. 

Continua qui


mercoledì 30 agosto 2017

Dispersi su Mt Rosa, individuati corpi

Localizzati da elicottero. Si sta tentando recupero

I corpi senza vita dei due alpinisti tedeschi, un uomo e una donna di 23 e 21 anni, dispersi da sabato sul Monte Rosa sono stati individuati nel corso di una ricognizione in elicottero del soccorso alpino valdostano. Si trovano alla base di una cresta sulla parete Est del Naso del Lyskamm, a quota 4.000 metri.

Continua qui

Domenica 3 settembre a Cà del Monte (PV)


Veramente bello da non perdere! Domenica 3 settembre camminata sulle colline di Ca' del Monte e visita al Planetario e Osservatorio Astronomico di Cà Del Monte...vi aspettiamo numerosi
Per info e prenotazioni: nwp.novi@gmail.com

martedì 29 agosto 2017

Bloccata in vetta con i tacchi a spillo. Ecco come contrastare l’imprudenza in quota

È quasi terminata l’estate e ancora una volta ci troviamo a fare i conti con l’imprudenza in montagna. Un fenomeno che non sembra fermarsi, anzi. Incoscienza che spesso porta a situazioni fatali, nel peggiore dei casi. Lo abbiamo scritto già prima di Ferragosto: il punto non è l’elitismo, è la pura consapevolezza che – andando in montagna – si è esposti a rischi oggettivi che possiamo solo mitigare. Eppure, ancora troppe persone prive di senno si espongono, ed espongono gli altri, a questi rischi. Forse, sebbene la montagna stia tornando di moda, è bene che si usino i mesi più freddi per ragionare su come evitare quello che state per leggere.

In una assolata, ma fresca, mattinata di Washington, un articolo colpisce il mio interesse. Su l’Alto Adige c’è lo sfogo degli Accademici del Cai, dell’Aiut Alpin Dolomites e del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (Cnsas). Sono «esasperati», si legge nell’articolo, dalle troppe chiamate senza motivo. E, di conseguenza, dei troppi interventi non necessari che devono compiere, mettendo a repentaglio la loro stessa vita, per salvare gli imprudenti. E fanno poi anche un calcolo dei costi operativi delle uscite con l’elicottero, i cui prezzi sono ben noti a chi frequenta regolarmente la montagna. Dai due a tremila euro per intervento, spesso eseguito da volontari. Se si tratta di aiutare persone in pericolo però, la macchina dei soccorsi diviene quanto mai preziosa. Capita però anche il contrario. In diversi casi, chi chiama i soccorsi non è a conoscenza dell’enorme costo di quella chiamata, sia in termini di risorse umane sia in termini di risorse finanziarie. Citiamo testualmente alcuni esempi pubblicati ieri da l’Alto Adige: “Una famiglia dal bosco chiama il 118: «Piove, non è che l’elicottero potrebbe portarci degli ombrelli?». Turista in cima al Seceda in tacchi a spillo: «Mi venite a prendere, con l’elicottero? Non riesco più a scendere…». Rifugio Locatelli, Tre Cime: «Stamattina faceva caldo, ora è tanto freddo, non è che ci portate da vestire?»”.

Continua qui

lunedì 28 agosto 2017

Domenica 3 settembre: Roccaforte Ligure, Croce degli Alpini e il Poggio (AL)


Passo dopo Passo

La tremenda GRANDINATA in Marmolada di sabato 26 agosto: feriti anche gravi!

Temporale sottovalutato.

La possibilità di temporali sabato 26 agosto in Marmolada nel pomeriggio c'era, non era altissima, ma c'era, la passione talvolta prevale ed impone scelte irrazionali.
La sottovalutazione del rischio (vanno loro, vado anch'io) in questi casi è un errore che può costare la vita e i cumuli se si sviluppano non perdonano. 
Un uomo di 31 anni si trova nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale di Treviso, dove è stato portato da Falco dopo il recupero in parete e le prime manovre di soccorso in rifugio. Le cascate ghiacciate che scendevano dalla Marmolada durante il temporale gli hanno causato una grave ipotermia.

Possono anche esperti alpinisti ma con il tempo non si è mai abbastanza esperti, nemmeno se si fa questa professione da molti anni e se si guarda il cielo da una vita, figuriamoci se il cielo è un elemento secondario rispetto al primo: le montagne!

La grandinata in alta quota, presa addosso con violenza e su un ghiacciaio può determinare seri problemi di ipotermia se non si trova nel breve un rifugio sotto cui ripararsi.

La pioggia si unisce al ghiaccio e determina la formazione di una cascata, chi ci si trova sotto se la becca tutta ed è come se facesse una doccia gelata costante.

Continua qui

Trentino, precipita cordata: morti due alpinisti sulla Presanella. Tra i feriti anche un 14enne: è grave

Il gruppo di nove persone era composto da due famiglie. In prossimità della forcella Freshfield, a 3.200 metri, i primi due sono scivolati trascinando gli altri. I feriti sono stati trasportati negli ospedali di Trento e Bolzano. Quattro elicotteri impegnati per ore nei soccorsi


TRENTO - Due alpinisti sono morti e altre sette persone sono rimaste coinvolte mentre scalavano in cordata la cresta nord ovest della Cima Presanella, montagna di oltre 3.500 metri nelle Alpi Retiche e vetta più alta del comprensorio Adamello-Presanella, vicino a Madonna di Campiglio, in Trentino.

L'incidente è avvenuto poco dopo le 9.30. Si tratta di un gruppo della Valle Camonica, due famiglie di nove persone residenti sulla sponda
bresciana del Lago di Iseo. Tra i feriti anche un ragazzo di 14 anni, ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Trento.


(...)

 
TRE INCIDENTI MORTALI IN AUSTRIA E ITALIA


Continua qui


mercoledì 23 agosto 2017

Monte Bianco, segnalata la presenza di tre cadaveri sul Ghiacciaio del Miage

Courmayeur - La segnalazione è giunta da un alpinista francese che ha fotografato il ritrovamento. Sulla base delle immagini da lui scattate parrebbe trattarsi di corpi restituiti dal ghiacciaio.

La segnalazione è arrivata da un alpinista francese: ci sono tre cadaveri sul Ghiacciaio del Miage, nel massiccio del Monte Bianco. Sulla base delle fotografie scattate dall'uomo sembra trattarsi di corpi restituiti dal ghiacciaio, risalenti, in base all'attrezzatura, anche fino agli anni Novanta. L''escursionista ha consegnato inoltre una carta d'identità tedesca del 1995. 

Continua qui

martedì 22 agosto 2017

Escursione ad anello sul Lagazuoi per il sentiero Kaiserjager

Escursione ad anello sul Lagazuoi per il sentiero Kaiserjager da passo Falzarego.

Una delle più belle escursioni da fare nelle Dolomiti, in particolare nel Lagazuoi, è intraprendere il sentiero dei cacciatori imperiali austriaci, ovvero il sentiero Kaiserjager. Quest'escursione merita di essere fatta sia per un motivo paesaggistico, sia per la storia che emana questo posto, uno dei principali fronti durante la Prima Guerra Mondiale. Il Lagazuoi infatti era una roccaforte austriaca, piena di gallerie e trincee scavata durante il conflitto sia dagli austriaci, sia dagli italiani che tentavano di espugnare questa montagna, punto strategico sui passi Falzarego e Val Parola. Oltre questo si godono fantastici panorami sulle principali vette Dolomitiche, in primi sul gruppo delle Tofane. 
 
L'escursione è abbastanza impegnativa nonostante siano solo 700 metri di dislivello, da non sottovalutare alcuni tratti molto esposti.
 
Continua qui

lunedì 21 agosto 2017

Incidente sul Gruppo Sella, morto un alpinista. Ferito il compagno di salita


Un alpinista di Bolzano di 26 anni è morto cadendo mentre compiva un’ascensione nel gruppo del Sella, In Alto Adige. Gravemente ferito anche il suo compagno di escursione. L’uomo stava salendo sulla Via Rizzi, un percorso tra i meno noti dell’area, che parte da quota 2.300 metri. Per cause ancora in via di accertamento, mentre affrontava un passaggio piuttosto difficoltoso, ha perso il contatto con la parete, cadendo per una settantina di metri.

Il secondo scalatore, un bolzanino di 27 anni, è stato anche lui trascinato in basso, ma è stato sbalzato per pochi metri ed è sopravvissuto. È stato soccorso con un elicottero della Protezione civile ed è ricoverato all’ospedale di Bolzano, in gravissime condizioni.

Continua qui

sabato 19 agosto 2017

Alpinisti tedeschi soccorsi su Grandes Jorasses

Hanno trascorso la notte a quasi 4.000 metri di quota

Due alpinisti di nazionalità tedesca sono stati soccorsi e trasportati a valle dopo che sono rimasti bloccati per tutta la notte sulle Grandes Jorasses, nel massiccio del Monte Bianco. Le guide del Soccorso alpino valdostano li hanno raggiunti a 3.900 metri di quota, nella zona del Rocher Whymper, lungo la via normale. I due - spossati e con difficoltà ad individuare il percorso - avevano dato l'allarme ieri verso le 21. L'operazione di soccorso è scattata questa mattina.

Continua qui


venerdì 18 agosto 2017

Monte Giarolo: si perdono durante un'escursione

Un lieto fine grazie all'intervento di Vigili del Fuoco e Soccorso Alpino che ha dato le indicazioni per tornare indietro dal Monte Giarolo a tre escursionisti di Novi Ligure e Basaluzzo rimasti "bloccati" sull'altura perché hanno perso la strada giusta per tornare al parcheggio dove ad attenderli c'erano altri due amici

Novi ligure (AL)
Un lieto fine per tre escursionisti di Novi Ligure e Basaluzzo che durante un'escursione sul Monte Giarolo dai Piani di San Lorenzo in Val Borbera hanno "perso il sentiero" per ritornare indietro. Ad attenderli ai Piani di San Lorenzo gli altri due amici compagni di escursione che nel frattempo erano tornati al parcheggio delle auto, perdendo le "tracce" dei tre compagni di avventura.

Ad intervenire quindi nel pomeriggio di venerdì 18 agosto i Vigili del Fuoco e il Soccorso Alpino che sono riusciti a mettersi in contattato telefonico con i tre escursionisti rimasti sul Monte Giarolo e a dargli le indicazioni per il recupero del sentiero giusto attraverso cui tornare indietro. 

Continua qui

lunedì 14 agosto 2017

CAMMINANTOLA: Con il naso all’insù


Un punto di osservazione davvero privilegiato per ammirare la volta celeste lontano dall’inquinamento luminoso della città.

Nel pomeriggio, ritrovo a Casa del Romano per raggiungere la vetta del M. Antola (1597m); cena presso il Rifugio ParcoAntola e rientro in notturna ammirando il cielo lungo il suggestivo percorso di crinale.

Rientro previsto ore 22.30 ca. a Casa del Romano e a seguire osservazione presso l’Osservatorio Astronomico Regionale Parco dell’Antola – Comune di Fascia con gli esperti dell’Associazione Urania. Tutti i partecipanti devono essere muniti di torcia.
Punto di ritrovo: Loc. Casa del Romano (GE)

Continua qui

venerdì 11 agosto 2017

Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera

Terza puntata della rubrica "In cammino", una selezione di percorsi del nostro territorio che il Cai ha censito, mappato e segnalato sul campo. La rassegna prevede sentieri per ogni tipo di preparazione, dalle passeggiate alle escursioni più lunghe e difficili, fino alle mete per i più esperti

IN CAMMINO - Oggi segnaliamo un percorso impegnativo, soprattutto nel primo tratto, per il dislivello e per alcuni passaggi esposti sulle rocce di puddinga, attrezzati con corde fisse e passerelle di legno, identificato come Sentiero 260 “Pertuso - Roccaforte Ligure” della zona Novi Ligure e val Borbera.

La fatica della salita è ampiamente compensata dagli scorci panoramici che diventano sempre più ampi e affascinanti, mostrando tutta la bellezza delle strette di Pertuso e della val Borbera.

Il sentiero è dedicato a Serena Salvucci e Alessandro Mennella, giovani soci del Cai di Novi Ligure, tragicamente caduti in un incidente sul gruppo del Monte Rosa nel 2003.

Continua qui

lunedì 7 agosto 2017

Maltempo, 4 morti sulle Alpi tra Friuli, Bellunese, Marmolada e Adamello

A Milano cade per la forte pioggia una ringhiera-balaustra nella Galleria


Il maltempo lungo l'arco alpino e dolomitico ha richiesto finora oltre 30 interventi da parte dei soccorritori. Al momento 51 le persone soccorse. Lo rende noto il Corpo Nazionale del soccorso alpino e speleologico.

LA SITUAZIONE
E' stata individuata dal Soccorso Alpino di Maniago (Pordenone) la vittima dell'incidente causato dal maltempo in Friuli. Si tratta di una persona che si trovava lungo la pista forestale che conduce al raduno europeo della famiglia Arcobaleno. Secondo quanto si apprende, la vittima - un uomo di 41 anni, cittadino belga - si trovava nella propria tenda travolta da un albero durante il temporale
Ha perso la vita precipitando per diversi metri dopo essere scivolata su un sentiero bagnato, durante un forte temporale, a Saviore dell'Adamello, Margherita Nardone, 24 enne romana.

Un escursionista è stato ucciso da un fulmine sulla ferrata della Marmolada, in Trentino. Ferita, ma non grave, anche la moglie, che ha chiamato i soccorsi. Il turista emiliano, 47 anni, stava percorrendo la via ferrata, quando è stato sorpreso da un forte temporale. Non ha avuto modo di ripararsi, un fulmine lo ha colpito. La moglie, sotto shock, è riuscita a dare l'allarme chiamando al 112. E' intervenuto oltre al soccorso alpino che ha portato in salvo la donna, anche l'Aiut Alpin che ha recuperato il morto e lo ha trasportato a Canazei.

Continua qui

sabato 5 agosto 2017

Monte Bianco, in tenda sul ghiacciaio ai piedi della frana di granito

 
L’ennesima incoscienza
 
Satelliti del Mont Blanc du Tacul, venerdì 28 luglio. Nella conca glaciale denominata «Cercle Maudit» alcuni alpinisti hanno montato le loro tende non distante dalla base conica del Couloir des Capucins. La guida alpina Ezio Marlier ha filmato il luogo ha commentato: «Sono allibito, possibile che non si vedano i blocchi di graniti, la frana?». Le tende sono vicine a un parallelepipedo di roccia che due anni fa ha travolto una tenda e sfiorata un’altra. «In quella frana - dice ancora Malier - purtroppo morì un alpinista che era nella tenda». L’episodio fa parte di quel fenomeno ormai quasi rituale di persone (alpinisti compresi) che si avventurano sui ghiacciai e sotto le pareti di roccia incuranti dei pericoli. «In realtà – dice Marlier – mi pare che proprio non ci si renda conto del pericolo. Non è possibile scegliere un luogo glaciale su cui sono rotolati dei massi in corrispondenza di una canale per piazzare le proprie tende. Se lo si fa significa che la lettura del pericolo non è avvenuta e con essa quella del territorio.

Continua qui (video)

Scout muore per un malore durante una gita sul Monte Subasio

La tragedia a Collepino di Spoleto: era con un gruppo scout di Alessandria

Un ragazzo di 18 anni è morto oggi pomeriggio mentre stava facendo un’escursione a Collepino di Spoleto con un gruppo scout di Alessandria. Sul posto è intervenuto il soccorso alpino insieme ai sanitari del 118 e ai vigili del fuoco, purtroppo però, per il giovane non c’è stato nulla da fare.

Continua qui

Trekking ai Forti di Genova

Ammirare Genova dai suoi “Forti” consente di unire sport, natura e storia in un piacevole trekking ad anello che percorre l’Area Naturale Protetta d’interesse locale e tocca alcuni forti militari costruiti fra il XVII e il XIX secolo

 
C’è un modo diverso di vivere e apprezzare Genova, oltre al mare e ai suoi splendidi gioielli di arte e architettura, sparsi per la città. Un modo che ben si adatta ad ogni stagione, perchè ci porta per mano a guardarla dall’alto, dal fresco dei suoi monti, al riparo da sguardi indiscreti, protetti dalle mura. Tanti sono i possibili percorsi all’interno del parco delle mura, a seconda del livello di difficoltà e della durata che si intendono affrontare. C’è però, in ognuno di questi itinerari, una costante: la vista impareggiabile e insolita di Genova dall’alto dei suoi forti. Un’esperienza assoltamente necessaria per poter dire di conoscere e amare questa città di mare.

ALCUNI PERCORSI:

NOTE: per tutti i percorsi ai Forti di Genova la partenza è Righi, dove arriva la funicolare che parte da Largo Zecca, raggiungibile a piedi o in bus dalla stazione di Genova P. Principe. Si può arrivare al Righi, oltre che con la funicolare, anche col bus 64 che parte da Manin o con mezzi propri. MAGGIORI INFORMAZIONI IN QUESTO LINK, AL FONDO)
L’arrivo di tutti i percorsi è Forte Begato, da cui è possibile tornare al piazzale della funicolare con circa 30 minuti di cammino seguendo la strada asfaltata.
PER LE TRACCE GPS leggi QUI


PERCORSO IMPEGNATIVO 11.5 Km

Disliv. 494 mt a salire-323 mt a scendere – 3.30 h di cammino
Dall’arrivo della funicolare ci si dirige verso Torre Specola e camminando lungo le mura del Castellaccio si raggiunge Via delle Baracche, dalla quale si imbocca il sentiero dell’Acquedotto che percorrerete fino a Trensasco. Da qui si imbocca la direttissima per Forte Diamante, dal quale potrete godere di uno spettacolo unico su Genova. Si scende quindi alla Sella del Diamante e ci si dirige verso Forte Puin. Da questo Forte, lungo il sentiero delle Mura, si raggiunge prima Forte Sperone e poi Forte Begato, dove è possibile visitare l’esterno dell’area fortificata e pranzare al sacco affacciati sulla città.

PERCORSO INTERMEDIO 8.5 km

Disliv. 376 mt a salire-197 mt a scendere – 2.30 h di cammino
Dall’arrivo della funicolare ci si dirige verso Torre Specola e camminando lungo le mura del Castellaccio si raggiunge Via delle Baracche dalla quale si imbocca il sentiero dell’Acquedotto per poi salire fino alla Sella del Diamante, dalla quale vi dirigerete verso Forte Puin. Da questo Forte, lungo il sentiero delle Mura, si raggiunge prima Forte Sperone e poi Forte Begato.


Continua qui
Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog