martedì 28 giugno 2016

Domenica 3 luglio: Rivarossa

http://www.passodopopasso.eu/

sabato 25 giugno 2016

Trekday, alla scoperta delle bellezze naturalistiche della zona

Un'escursione alla scoperta delle bellezze naturalistiche della nostra zona. La organizza il Decathlon di Serravalle Scrivia grazie all'iniziativa TrekDays di domenica 26 giugno

SERRAVALLE SCRIVIA (AL)
Un'escursione alla scoperta delle bellezze naturalistiche della nostra zona. La organizza il Decathlon di Serravalle Scrivia grazie all'iniziativa TrekDays di domenica 26 giugno.

Si tratta di un evento realizzato in esclusiva per i possessori di della carta fedeltà Decathlon, con ritrovo alle ore 8.20 nel parcheggio davanti al punto vendita serravallese. Si salirà poi fino alla chiesetta di Cappellezza, con vista sul colle e sui ruderi delle mura del castello. Da qui alle verdi colline che sovrastano il paese, passando perl'edicola votiva di Sant'Ambrogio. Si raggiunge quindi un punto panoramico con area di sosta e scorci sull'area archeologica di Libarna, sul santuario di Montespineto e sulla piana di Arquata.

Continua qui

Escursione al crepuscolo nel mondo delle fiabe

Sabato 25 giugno, l’ente di gestione delle Aree Protette dell’Appennino piemontese organizza un’iniziativa dedicata alle famiglie, “C’era una volta un briccu di briganti”, un’escursione pomeridiana-crepuscolare incentrata sulla narrazione partecipata di una fiaba dell’Oltregiogo



BOSIO (AL) - Sabato 25 giugno, l’ente di gestione delle Aree Protette dell’Appennino piemontese organizza un’iniziativa dedicata alle famiglie, “C’era una volta un briccu di briganti”, un’escursione crepuscolare incentrata sulla narrazione partecipata di una fiaba dell’Oltregiogo. I bambini vivranno l’esperienza di passeggiare per i boschi al calar del sole: l’ora in cui i briganti escono dal nascondiglio.

Continua qui

giovedì 23 giugno 2016

Ponte del Trift - Spettacolare ponte pedonale

 

Il ponte del Trift è uno dei ponti sospesi pedonali più spettacolari delle Alpi. Si eleva a 100 metri di altezza ed oscilla per 170 metri sull'area del Ghiacciaio del Trift. Già l'attraversamento della gola con la cabinovia è avventurosissimo.


Quando il clima si riscalda, i ghiacciai fondono; alcuni, come il Ghiacciaio del Trift, con particolare velocità. Ancora pochi anni fa si poteva raggiungere a piedi la capanna del Trift del Club Alpino Svizzero attraversando la lingua del ghiacciaio.

Nel 2004 è stato costruito un ponte sospeso, perché il ghiacciaio non arrivava abbastanza in alto. Il ponte del Trift, costruito sul modello dei ponti nepalesi a tre funi, si è rivelato un'attrazione per i turisti; nel 2009 è stato sostituito da un ponte più sicuro e più facilmente accessibile che si considera uno dei ponti sospesi pedonali più lunghi e alti delle Alpi.

 

Continua qui

Via Francigena a Acquapendente

Itinerari ed escursioni a Acquapendente: Via Francigena


Descrizione:

Acquapendente è una delle ultime località, prima di Roma, ad essere toccata dal percorso della Via Francigena, l'antico cammino di pellegrinaggio che, da Canterbury (Regno Unito) portava fino a Roma, centro nevralgico della cristianità. Nella fattispecie, i pellegrini potevano entrare nel borgo di Acquapendente, anticamente protetto da una ampia fascia muraria, dall'ingresso di Porta della Ripa, e ricevere così accoglienza e vitto, prima di ripartire in vista dell'Urbe. Ancora oggi, sono moltissimi i fedeli che, ispirati da un bisogno di contatto con la natura e riscoperta della fede, percorrono la Via Francigena, in tutto o in parte, e a questo scopo il territorio di Acquapendente mette a disposizione strutture e pannelli informativi per facilitare la percorrenza dell'itinerario, in ambedue le direzioni. 


Continua qui

mercoledì 22 giugno 2016

Domenica 26 giugno: I laghi della Palasina (AO)

Lunghezza itinerario: km 10
Dislivello: circa 650 metri

Stupenda uscita ai laghi della Palasina ad altitudini comprese tra i 2487 m e i 2632 m  raccolti sul versante meridionale della dorsale che si estende dal Corno Bussola alla punta Palasina. L’intero percorso è caratterizzato da un apertissimo panorama sia sulla val d’Ayas, sia sulla valle della Dora Baltea, con splendidi scorci di molte cime, tra cui i monti Emilius, il Rutor e sul più lontano Monte bianco.

Fonte immagine

Partenza dell’itinerario: Estoul m 1815 s.l.m.
Dalla località di Estoul si sale prima su sentiero e poi su mulattiera per raggiungere il Rifugio Arp a m 2445 s.l.m. Dal Rifugio Arp si risale sempre su sentiero raggiungendo il laghi della Palasina.

Continua qui


lunedì 20 giugno 2016

Domani si inaugura il cammino dei Briganti, 100 km a piedi tra paesi medievali e natura


Sante Marie. Ripercorrere la via in cui un tempo si nascondevano i briganti, seguendo la linea di confine tra lo Stato Pontificio e quello borbonico, sulle tracce di una delle pagine dell’Unificazione d’Italia. E’ una storia di 150 anni fa quella che si vive nell’intraprendere l’antico Cammino dei Briganti, uno dei percorsi inediti del nostro Paese che si sviluppa lungo 100 km tra il Lazio e l’Abruzzo. Il Cammino dei Briganti ha una nuova vita con il cambio di percorso, che ora parte e arriva a Sante Marie, sono 100 km da percorrere a piedi o in mountain bike; è appena stata stampata la guida “Il Cammino dei Briganti” di Luca Gianotti, Alberto Liberati e Fabiana Mapelli (Edizioni dei Cammini). Il Cammino dei Briganti si inaugura domani, con 3 camminate che convergono ai Prati di Santa Giusta, dove i partecipanti potranno degustare un merendone offerto dalla Pro Loco, vedere in anteprima il libro e ascoltare il senso di questo cammino. La prima camminata è la più lunga, circa 20 km di cammino, ritrovo alle 8.45 al Casale Le Crete (tra Tagliacozzo e Scurcola), arrivo a prati di Santa Giusta alle 16 e poi arrivo finale a Sante Marie con visita al
Museo del Brigantaggio.

Continua qui

domenica 19 giugno 2016

mercoledì 15 giugno 2016

Camminando con il Touring: partono i nostri viaggi a piedi in Italia

Finalmente ci siamo: per tutti coloro che hanno sempre desiderato camminare con il Touring, è arrivato il momento giusto!



TOURING CLUB ITALIANO E SLOWAYS
Il Touring Club Italiano parte infatti con proposte di viaggi di gruppo a piedi in tutta Italia e specialmente lungo la via Francigena, dove si potrà anche viaggiare in bicicletta. Per l'organizzazione, la nostra associazione ha scelto sloWays, il tour operator del Movimento Lento, il punto di riferimento dello slow travel italiano, un gruppo di aziende e di professionisti che da anni si occupa con passione e professionalità della divulgazione del viaggio a piedi.
 
Insieme al nostro partner abbiamo sviluppato una serie di proposte nuove e originali, con viaggi itineranti lungo i grandi cammini italiani.

Il programma "Camminando con il Touring" prevede infatti viaggi di gruppo con guide esperte, adatti a tutti, con trasporto dei bagagli tra una tappa e l’altra, grande attenzione ai cibi locali e soggiorno in strutture selezionate. 

LA VIA FRANCIGENA E I CAMMINI IN TUTTA ITALIA
La principale destinazione sarà la Via Francigena, percorsa a piedi, in bicicletta o con e-bike. Per chi non ha deciso che cosa scegliere tra mare e monti proponiamo tour sui vulcani delle Isole Eolie, tra Cala Gonone e Tiscali in Sardegna e lungo il Sentiero degli Dei nella Costiera Amalfitana. Esploreremo le Dolomiti con un trek in Val di Fassa e concluderemo l’anno con un cammino eno-gastronomico tra la Puglia e Matera.
 
Due trek con gli asinelli sono dedicati soprattutto alle famiglie, uno in occasione della fioritura nella piana di Castelluccio di Norcia e un’avventurosa traversata dei Monti della Laga.
Continua qui

martedì 14 giugno 2016

Notturna a Guardamonte (AL)

Causa fulmine che ha causato un danno alla linea elettrica del centro didattico del guardamonte, la notturna è rinviata a data da destinarsi.

Carissimi soci, proponiamo per sabato prossimo 18 giugno, una semplice e breve escursione notturna nella zona di Guardamonte (AL).
Fonte immagine
Alle ore 21, ci ritroveremo presso il Centro didattico (posizionato poco distante all'Agriturismo Guardamonte), per proseguire su sentiero di crinale fino alla balconata sulla val Curone e la Pianura Padana del Monte Penola.
Il percorso ad anello è adatto a tutti e ha una lunghezza di circa 5-6 km andata e ritorno con dislivello bassissimo.
Al ritorno, previsto verso le 22,30, potremo salutarci con un piccolo rinfresco presso il Centro Didattico.
Ringraziandovi come sempre per l'attenzione, auguriamo una buona giornata.
Per informazioni: 339.6969819

domenica 12 giugno 2016

Morti 2 alpinisti sulla Presanella, in Trentino

Procedevano in cordata verso i 3.500 metri della cima più alta del gruppo dell'Adamello

 

Due alpinisti sono morti in un incidente in montagna sulle pendici della Presanella in Trentino.

Dalle prime informazioni si sa che i due procedevano in cordata verso i 3.500 metri della cima più alta del gruppo dell'Adamello, quando devono avere perso un appiglio, precipitando per 300 metri. I due sono morti all'istante. Un elicottero di Trentino Emergenza si è levato per raggiungere il punto dell'impatto e per cercare di recuperare le salme.

L'allarme è stato dato stamane alle 10 da altri escursionisti.

Fonte

sabato 11 giugno 2016

Per favore...


Per favore.
Per rispetto di chi non ce l'ha fatta ed ora è solo una croce di sassi sui sentieri dellaGalizia come avrete modo di vedere,
Per rispetto di chi lo ha percorso credendo in qualcosa di trascendente che ha trovato proprio lì oppure lo ha smarrito per sempre
Per il mio amico Bruno che nello zaino portava le ceneri di Cristiano ( si, proprio come nel film) e le ha sparse ai piedi della Cruz de Hierro
Per rispetto mio che ho percorso il primitivo pensando potesse essere l'ultima volta e per l'età e per il mio cuore da sistemare ancora una volta
Per rispetto di una vecchia signora polacca claudicante che arrivava sempre per ultima la sera, quando non c'erano più letti liberi eppure ha sempre trovato ragazze disposte a condividere...
Per la donna nella foto, di cui non conosco il nome ma immagino almeno cento motivi del pianto....

Non chiamate il Camino di Santiago Vacanza Low cost.
Perché è inesatto, sbagliato, riduttivo, stupido, ingiusto.
Perché low cost può essere una gita ai Castelli con karaoke e birra calda, un campeggio sull'adriatico in bassa stagione, una gita in pullman con vendita di padelle.
Invece il Camino costa. Costa moltissimo: in fatica, impegno morale, nervoso. Può sconvolgere una vita, può cambiarti per sempre.

Grazie

Stefano Rufini

Fonte

 

mercoledì 8 giugno 2016

12 giugno 2016 SKYWAY L'OTTAVA MERAVIGLIA DEL MONDO


 
Skyway Monte Bianco,la nuova funivia a cabine rotanti, offre la possibilità a chiunque di salire nel cuore del massiccio del Monte Bianco (l’esperienza è non a caso definita l’Ottava Meraviglia del Mondo). In alcuni giorni il cielo è così terso che sembra di poter toccare con mano la vetta, si tratta infatti di in uno scenario di incredibile bellezza. Da Courmayeur è possibile salire in due tronconi direttamente a Punta Helbronner, dove il panorama sul Monte Bianco è assicurato grazie alla Terrazza panoramica posta a 3466 mt di altitudine che sovrasta l’interminabile Vallée Blanche e l’abitato di Courmayeur. Lo sguardo si perde tra seracchi e torri granitiche dalle sfumature pastello. All’orizzonte i celebri “4000” d’Europa: Grand Combin, Cervino, Monte Rosa e Gran Paradiso.
La prima tappa a Pavillons (2173m.) ci consentirà di ammirare un panorama spettacolare sulle più alte cime d’Europa e di osservare una ricca rassegna di piante alpine di incredibile rarità e bellezza nel giardino botanico alpino di Saussurea.

La seconda tappa a Punta Helbronner (3466m.) ci offrirà una vista mozzafiato a 360° sul tetto d’Europa per spaziare in tutti i sensi nell’immenso blu e bianco dei ghiacciai eterni.
Si potrà visitare la Sala dei Cristalli del Monte Bianco e la Sala Room  con gli schermi multimediali che narrano la storia dell’alpinismo.

Responsabili: Rosanna 338.4597079 – Gianmaria 335.1047513  (per entrambi chiamare solo nelle ore serali)
Partenza da Sale (AL) di fronte al Carrefour ore 7,30
Partenza da Tortona (AL) di fronte alla Stazione FS ore 7,45

ATTENZIONE: prima di effettuare l’iscrizione on-line e il versamento contattare telefonicamente i responsabili della gita (Rosanna o Gianmaria) precisando se si intende raggiungere solo la prima tappa , cioè Pavillon o se si vuole raggiungere Punta Helbronner.
In caso di confermate previsioni meteo di maltempo, la gita verrà rinviata alla domenica successiva.

 Continua qui

GUARDATE Il VIDEO



 

Rifugio Monte Antola Live

Webcam

Ogni promessa è debito!!! Torna la webcam del rifugio!!! Attenzione! Non essendo più di proprietà dell'Altavia dei monti liguri le immagini non saranno più trasmesse dal loro sito. Per vederla andate su www.rifugioantola.com - Webcams - Rifugio Antola. L'immagine viene aggiornata ogni 10 minuti e per salvarsi la foto basta trascinarla sul desktop!!! Un ringraziamento a Bluet per la webcam e l'installazione!!! Buona visione!!! Parco dell'Antola CAI Sezione Ligure-Genova Liguria Propata Torriglia FIE Liguria Alta Via dei Monti Liguri Primocanale - Pagina Ufficiale Telenord

martedì 7 giugno 2016

Notturna nel Parco delle Capanne di Marcarolo (AL)


A cura del dott. Andrea Bajardi - Guida del Parco e Accompagnatore Naturalistico

Noi tutti possediamo ancora la capacità di vedere al buio: è una vista differente con diverse percezioni dei colori e delle forme, risultato dell'adattamento evoluzionistico che l'uomo ha subito nei millenni di oscurità.

Percorso (Itinerario senza difficoltà ed ostacoli): Cascina Foi (m 770 slm) – strada Cirimilla – Bric Arpescella (m 875 slm) – Ecomuseo cascina Moglioni (m 725 slm) – Benedicta (m 700 slm) – Cascina Pizzo (m 760 slm) – Cascina Foi.

Durata : 2-3 ore Ritrovo : ore 20.30 presso loc. Cascina Foi – Capanne di Marcarolo (Bosio – AL)

Costo: 5,00 €/partecipante

Info e prenotazioni (entro venerdì 10 giugno): Andrea Bajardi (cell 339.8778612; email andbajar@yahoo.it )


Continua qui

venerdì 3 giugno 2016

Valstagna, il sentiero dei 4444 scalini „Valstagna, il sentiero dei 4444 scalini“

Asiago (VI)

Valstagna, il sentiero dei 4444 scalini
Correva l'anno 1398 e il legno della valle del Sasso era merce preziosa, per questo venne aperto il sentiero dei 4444 scalini. A secoli di distanza il percorso resta uno dei più suggestivi del Veneto

 Valstagna, il sentiero dei 4444 scalini

La Storia
Nel 1300 gli scambi commerciali erano ancora difficoltosi: la pianura aveva famemaxresdefault (2)-2-2 di legname che lungo "la Brenta" fluitava fino a Bassano, a Padova e Venezia, l'altopiano di sabbia, sale e farina. Per Valstagna il taglio e la discesa dei tronchi a valle ("menada") erano l'unica fonte di reddito. Correva appunto l'anno 1398 quando, sotto la signoria di Gian Galeazzo Visconti, duca di Milano, fu resa percorribile la valle del Sasso, che costituiva la via più breve per scendere nel Canale dall'Altopiano di Asiago. Ne risultò una lunghissima scalinata, scavata nella roccia, che superava i settecentocinquanta metri di dislivello della valle con 4444 gradini di pietra, fiancheggiati da una canaletta selciata concava per la quale venivano divallati i tronchi.

Valstagna, il sentiero dei 4444 scalini

Come arrivarci e come percorrerla
da Bassano del Grappa in direzione di Trento sulla statale della Valsugana fino al semaforo di 4444.10-2Carpanè di San Nazario (13 Km. circa). Al semaforo si va a sinistra seguendo le indicazioni per Valstagna e Foza. Attraversare il ponte sul Brenta e all'incrocio con la strada "DestraBrenta" proveniente da Oliero svoltare a destra e dopo poche centinaia di metri nell'abitato di Valstagna c'è il bivio (casa nel mezzo) e verso sinistra (indicazioni) inizia la strada di Foza. Poco dopo vi è un tornante (andare destra, non seguire la strada che scende dritto) entrando nello strettissimo canyon della Val Franzela attorniato da cupe ed altissime pareti rocciose. Si arriva così al tornante dove la strada, famosa per l'infinita serie di paurose curve e tornanti scavati nella roccia, inizia a salire decisamente e in 11 Km. porta a Foza. Proprio sul tornante c'è un piccolo parcheggio dove lasciare l'auto (circa 2 Km. dal semaforo in Valsugana)(m. 200 slm). A piedi si imbocca la stradina sterrata che continua sul fondo dell'orrida valle e dopo circa un Km. sulla sinistra, lasciando il fondovalle, inizia la scalinata dei 4444 gradini che in alcuni punti si incunea nell'orrido canyon largo appena qualche metro.



Potrebbe interessarti: http://www.vicenzatoday.it/cronaca/valstagna-il-sentiero-dei-4444-scalini.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/VicenzaToday/212021655498004

Continua qui



Potrebbe interessarti: http://www.vicenzatoday.it/cronaca/valstagna-il-sentiero-dei-4444-scalini.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/VicenzaToday/212021655498004

 


giovedì 2 giugno 2016

Sette tappe da rifugio a rifugio. Nasce l’Alta Via dell’Ossola Nord

Da rifugio a rifugio, collegando sentieri secolari. E’ una realtà da questa estate l’Alta Via dell’Ossola Nord. Percorre la Val Bognanco, verdeggiante e ricca di acque e di cascate; la Val Divedro che guarda la Svizzera e il Passo del Sempione; l’Alpe Veglia, di inaspettata ampiezza e agreste poesia; l’Alpe Devero, percorsa da pigri torrenti e morbidi sentieri e dominata da cime rocciose; la Val Formazza, con tante montagne sopra i 3000 metri, ghiacciai, laghi, praterie simili a quelle del grande nord canadese. Il progetto nasce da un’idea di Alberto Paleari, guida alpina e scrittore (vedi ALP N. 15 luglio 1986: “Ossola, il trekking delle sette meraviglie”), e dalla volontà di alcuni rifugisti che si sono associati fondando l’Agrap www.rifugidellossola.it.

Ma soprattutto la nuova Alta Via nasce dall’entusiasmo di alcuni dei rifugisti, o meglio alcune di loro, perché le più attive e partecipi sono donne, fra cui Marina del Rifugio Crosta che ha fatto da trait d’union. Il risultato del lavoro svolto  viene tenuto a battesimo mercoledì 8 giugno 2016 a Domodossola presso l’Unione montana Valli dell’Ossola (via Romita 13 bis) dall’Associazione Rifugi del Piemonte (www.rifugidelpiemonte.it) ed è riportato in una cartina con la descrizione dell’itinerario (in italiano e inglese).

Continua qui

mercoledì 1 giugno 2016

Il peso dell’essenziale e del superfluo

Uno degli argomenti più frequenti su cui si discute sia sui social network che durante i vari incontri tra pellegrini riguarda la preparazione dello zaino prima della partenza. Perchè durante un viaggio a piedi, la scelta dello zaino e il suo peso può veramente fare la differenza tra una memorabile esperienza e un viaggio di sofferenze …


La tendenza di chi per la prima volta decide di affrontare un lungo Cammino, è quella di caricare un peso eccessivo sulle spalle, non curandosi abbastanza del contenuto e senza pensare che uno zaino pesante, caricato per tanti giorni e tanti km può mettere in pericolo la salute dei piedi e delle articolazioni, senza contare la fatica. Ma bastano poche tappe per rendersi conto dell’errore, nel momento in cui iniziano a sorgere i problemi tipici del peso eccessivo: mal di schiena, infiammazioni, tendiniti e vesciche…
E’ importante quindi dedicare una particolare cura a ciò che si mette dentro lo zaino, cercando di limitarne il più possibile il peso, che secondo gli esperti non deve superare il 10% del proprio peso corporeo … può sembrare incredibile, ma vi assicuro che è tecnicamente possibile… con un po’ d’esperienza, si può arrivare anche ad avere sulle spalle meno di 6 chili e vi lascio immaginare quanto impagabile sia la sensazione di libertà che si prova nell’essere consapevoli che si può viaggiare e vivere con così poche cose …. Quel peso dell’essenziale che rende più lieve il nostro Cammino…

Per ridurre il peso al minimo indispensabile è importante scegliere uno zaino di ottima qualità, leggero, con un volume di 35-45 litri al massimo e valutare la soluzione più leggera per ogni singolo oggetto che si vuole portare con sé: meglio un abbigliamento tecnico sintetico, un sacco a pelo di dimensioni compatte e un asciugamano in microfibra, tenendo presente che la somma di piccole differenze di peso farà una grande differenza per ogni passo compiuto.

Continua qui 

IL MIO ZAINO ESSENZIALE


Via Francigena: Ebook gratuito

Ascolta Radio frangigena

La via degli Abati


Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog