sabato 30 gennaio 2016

È uscito Camminare di dicembre/gennaio

Da oggi online, presto a casa e in edicola
 
È uscito Camminare di dicembre/gennaio, da oggi disponibile in PDF online e presto a casa degli abbonato e in edicola!

Leggi l'editoriale di Roberto Mantovani

Su questo numero si parla dei grandi cammini italiani ed europei: Santiago de Compostela, la via di San Carlo e l'Anno Nazionale dei Cammini. La tecnica del Nordic Walking e di tutte le discipline di cammino che fanno uso dei bastoncini: quali sono le differenze. Alimentazione: la dieta corretta per gli sportivi e i vegetali di stagione. Dog Walking: impararemo le regole di comportamento per il cane e per il suo conduttore. Itinerari in Italia: Salento e Mugello.

Leggi un estratto della rivista o scopri come acquistare una copia singola

Continua qui
 

martedì 26 gennaio 2016

Alta Via dei Monti Liguri

Guida alle strutture ricettive e non solo...

Invitiamo camminatori, ciclisti e cavalieri a frequentare l'Alta Via dei Monti Liguri, un sentiero di crinale lungo 430 km.
E' ora disponibile la guida online www.altaviainfoh24.com ed il servizio telefonico non stop che risponde al +39.338.16.29.347



Continua qui

lunedì 25 gennaio 2016

Tra briganti e Dei, cinque cammini da fare in Italia


Il 2016 è stato proclamato dal ministro dei beni culturali Franceschini come l’Anno Nazionale dei Cammini; un buon segnale che potrebbe anche portare a una svolta. L’Italia infatti è famosa per le sue bellissime città d’arte: Roma, Firenze, Venezia e Milano sono le mete più gettonate. Ma senza nulla togliere a queste splendide città, il nostro Paese è attraversato da cammini naturalistici, religiosi, culturali e spirituali che permettono di vivere un turismo all’insegna della sostenibilità e del “viaggiare lento”, per vivere un’esperienza differente, ma altrettanto ricca di emozioni. Vi suggeriamo quindi cinque itinerari da fare a piedi per riscoprire zone dell’Italia forse meno note ma che sapranno sorprendervi.

IL CAMMINO DEI BRIGANTI
Il Cammino dei Briganti è un percorso ad anello di sette giorni che si snoda lungo i sentieri battuti 150 anni fa dai briganti della Banda di Cartore.il territorio attraversato da questo cammino è di confine, oggi tra Abruzzo e Lazio, ieri tra Stato Pontificio e Regno Borbonico, questo perché i briganti dovevano essere in grado di passare una parte all’altra a seconda della minaccia. Tuttavia i briganti non erano malviventi, erano più simili ai partigiani, lottavano contro l’invasione dei Sabaudi, che avevano costretto il popolo a entrare nell’esercito. Erano persone, che non volevano assoggettarsi ai nuovi padroni, e per questo erano entrati in clandestinità. Una storia però fatta anche di rapimenti, riscatti, e tanta violenza. Una storia di 150 anni fa. Oggi si cammina a quote basse (tra gli 800 e i 1300 m.s.l.m) tra la Val de Varri, la Valle del Salto e le pendici del Monte Velino. Partenza ed arrivo da Tagliacozzo (AQ).

Continua qui

giovedì 21 gennaio 2016

Antola, «i boschi non sono una discarica»

Genova - Dal Parco dell’Antola, nel cui territorio molti comuni hanno iniziato a lavorare per una differenziazione dei rifiuti, parte un messaggio che verrà anche ripetuto sul magazine “Le Voci dell’Antola”, di rispetto per i boschi.

Va affrontato il problema, purtroppo ancora molto diffuso, dell’abbandono di rifiuti ingombranti in natura. In collaborazione con i soggetti gestori della raccolta dei rifiuti nei Comuni del Parco, il parco fornirà l’elenco dettagliato delle modalità di raccolta dei rifiuti ingombranti e la mappa dei Centri di raccolta presenti sul territorio cui tutti i cittadini possono (e devono) conferire gratuitamente tutti quei rifiuti (elettrodomestici, mobili, materiali ferrosi, ecc.) che non possono essere raccolti nei bidoni stradali né tanto meno abbandonati per strada e in natura.

Continua qui

Mappa del Parco dell'Antola

Le voci dell'Antola (tutti i numeri)

 

mercoledì 20 gennaio 2016

Domenica 24 gennaio: Entroterra di Noli (SV)

Sulle vie romane tra Noli, Voze e Capo Noli
Continua qui

martedì 19 gennaio 2016

Duma c'anduma...

PROSSIME ESCURSIONI IN PROGRAMMA

In Piemonte e non solo!
Consulta il calendario delle prossime escursioni in programma.

Continua qui

sabato 16 gennaio 2016

I benefici del nordic walking

Scopri la tecnica della camminata con i bastoncini: mette in moto tutto il corpo, rilassa la mente, aiuta a dimagrire e stare in forma

Negli ultimi anni il nordic walking ha preso sempre più piede, perché rispetto alla normale camminata ha effetti benefici maggiori e permette di immergersi nella natura. Inoltre, è praticabile a qualsiasi età e aiuta a stare in forma in maniera dolce, migliorando il tono dell'umore e l'armonia del corpo. Se non hai mai sperimentato questa disciplina scopri di cosa hai bisogno per iniziare.


Continua qui

 

venerdì 15 gennaio 2016

Sabato 16 gennaio: Trekking Urbano Antiche Botteghe

Rileggeremo la città, la sua storia e la sua evoluzione attraverso gli antichi mestieri, le botteghe e le tradizioni ad essi legati. Spezie e mezzeri, macellai e cartai, frutti canditi e pollerie storiche si alternano in itinerario vario e curioso che ci permetterà di scoprire l'importanza della cultura materiale. 

Continua qui

My Trekking


 

lunedì 11 gennaio 2016

La Pietra Verde - Novità 2016

Sono ancora disponibili gli ultimi 15 posti per l'uscita in Valle D'Aosta per la straordinaria Fiera di Sant'Orso fissata per domenica 31 gennaio.

L'escursione in programma del 7 febbraio 2016, Anello sulla Via Julia Augusta, causa frana, viene sostituita con la stupenda uscita sull''Alta Via della Baia del Sole  Alassio - Andora  (SV).

Sono aperte le prenotazioni per l'uscita a Mentone (Francia), in occasione della Festa dei Limoni in programma per domenica 21 febbraio 2016.

Tutte le uscite prevedono lo spostamento in Pullman GT (Gran Turismo) e ricordiamo a tutti che  per prenotarsi all'escursione È OBBLIGATORIO VERSARE IL SALDO.

TROVATE TUTTE LE MODALITA' PER LE PRENOTAZIONI, PAGAMENTI E ORARI  SUL SITO: http://www.lapietraverde.org/

BUONE CAMMINATE A TUTTI!!





sabato 9 gennaio 2016

8 buoni motivi per iniziare a viaggiare a piedi

Andare a piedi.
Non importa verso dove né per quanti chilometri. Ritrovare lo spazio intorno a sé e farne un cammino, una piccola sfida.
Nessun mezzo di trasporto, niente motore, niente benzina. Solo noi e la strada, noi e un pianeta da misurare a piedi. E chissà che non si scopra che camminando si può arrivare ovunque e che il corpo ce la fa, ad essere libero, ad essere forte. Un buon paio di scarpe, una massiccia dose di fiducia e le gambe come forza motrice, a spingerci avanti.
Lasciare il mito della velocità, abbandonare l’idea di cambiare continente in poche ore e ritrovare la bellezza dei sentieri, la fatica della strada, le origini del viaggio.
Ogni buon viaggiatore dovrebbe poter raccontare di quella volta in cui ‘ mi sono incamminato e perso, per le strade del mondo’.
Ogni buon viaggiatore dovrebbe poter dire ‘ci sono arrivato a piedi’.

Continua qui

giovedì 7 gennaio 2016

Domenica 10 gennaio: Anello di Celle (SV)

Percorso: anello  su sentiero e strada asfaltata
Lunghezza dell’itinerario: Km 9 A/R
Dislivello: m 300 circa
Difficoltà:  T/E
Tempo di percorrenza: 4 ore
Segnavia: nella prima parte linea e due bolli rossi, nella seconda tre bolli rossi orizzontali
Tipo  di percorso:  sentiero ed asfalto
Mezzo di trasporto:  pulman
Ritrovo: Stazione FS di Tortona  ore 7,50 - Spostamento in pullman

Il percorso:
Splendido tratto tra terra e mare nel Comune di Celle Ligure, percorrendo il tragitto botanico che attraversa un’area boschiva ricca di specie della macchia mediterranea che ci accompagna al luogo dove sorgeva la Torre Bregalla, residuo di un sistema difensivo eretto tra l’anno mille e millecinquecento contro le invasioni saracene e turche.

Continua qui


mercoledì 6 gennaio 2016

La rivoluzione (salata) del soccorso alpino, si pagherà fino a mille euro

Dal primo gennaio ticket per gli interventi immotivati. Il 118: "Sarà il buon senso la regola più importante"

Mille euro per farsi soccorrere sulle montagne piemontesi. Dal primo gennaio gli escursionisti improvvidi, o più probabilmente i turisti della domenica che si improvvisano scalatori, dovranno pagare un ticket per le chiamate al Soccorso alpino.  Con lo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre è infatti entrato in vigore la delibera regionale che, oltre ad aggiornare le tariffe dell'elisoccorso, prevede la compartecipazione al costo degli interventi "immotivati, inappropriati o provocati da un comportamento imprudente ". Fino al 2015 il soccorso era stato gratuito sempre e per tutti, ora non più. La delibera è stata firmata dall'assessore alla Sanità, Antonio Saitta, e da quello a Montagna e Protezione civile, Alberto Valmaggia. Spiega che i costi saranno addebitati completamente solo per "le chiamate totalmente immotivate", mentre per tutte le altre non congrue il tetto sarà di mille euro: le tariffe sono 120 euro per la chiamata e 120 ulteriori ogni minuto di volo, mentre quando si attiva solo il soccorso a piedi il costo fisso sarà di 120 euro cui si aggiungono 50 euro l'ora per ogni squadra impiegata dopo la prima ora di soccorso.

Continua qui

sabato 2 gennaio 2016

Camminare 25 minuti al giorno, allunga la vita fino a 7 anni: i benefici dell'esercizio fisico in uno studio tedesco

Bastano 25 minuti di camminata al giorno per allungare la vita di ben 7 anni. Che l'esercizio fisico quotidiano e costante sia un elisir di lunga vita, non è una novità. Ma a vederlo quantificato in questo modo, viene voglia di correre fuori e cominciare subito ad allungare il proprio sentiero di vita. Letteralmente.

Fonte immagine
A misurare di quanto ogni passo ci aumenti l'esistenza, uno studio condotto presso l'Università di Saarland, in Germania, e recentemente presentato al Congresso della Società Europea di Cardiologia. I ricercatori hanno infatti scoperto che l'esercizio fisico moderato potrebbe dimezzare il rischio di morire di un attacco di cuore per le persone comprese fra i 50 e i 60 anni.

La malattia coronarica è il più grande assassino del Regno Unito, dice l'Independent: causa un morto ogni sette secondi. Non solo. È ai primi posti delle cause del decesso a livello mondiale. E se l'esercizio fisico è stato a lungo visto come un metodo per ridurre i rischi, dovuto all'abbassamento del livello di obesità e diabete, pare che sia anche responsabile dell'aumento della durata della vita.

La ricerca ha testato un gruppo di 69 persone sane, non fumatrici, di età compresa tra 30 e 60 anni, che non ha fatto nella vita un regolare esercizio fisico. Gli esami del sangue prelevati durante sei mesi di regolare esercizio aerobico, intervallato con training ad alta intensità e d'allenamento della forza hanno dimostrato l'attivazione di un processo di anti-invecchiamento e di riparazione del DNA antico.

Continua qui

La Grammatica del Camminare


Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog