martedì 30 giugno 2015

Piemonte, alla scoperta della Pera Furà

La Pietra forata è un luogo magico, i sassi regalano un equilibrismo che sfida le leggi della fisica... e di più non vogliamo svelarvi! Dimenticheremo l'auto per due giorni e partiremo alla scoperta di uno degli angoli più selvaggi e remoti del Biellese, della sua gente e dei suoi sapori più genuini.



La Pietra forata è un luogo magico, i sassi regalano un equilibrismo che sfida le leggi della fisica… e di più non vogliamo svelarvi! Dimenticheremo l’auto per due giorni e partiremo alla scoperta di uno degli angoli più selvaggi e remoti del Biellese, della sua gente e dei suoi sapori più genuini, vivremo nel limbo tra Valle Cervo e Val Sessera.

Continua qui

Oasi Zegna - Da Monticchio a Colle delle Guardie

Trail Running Val Sessera



domenica 21 giugno 2015

La Strada del Barolo

stradadelbarolo

La Strada del Barolo e grandi vini di Langa è un percorso segnalato che attraversa le colline della Langa del Barolo, abbraccia le cantine produttrici e le aziende agricole per offrire ai turisti la possibilità di incontrare il “re” dei vini nei luoghi della sua produzione.

Il progetto, nato nel 2006, è realizzato dall’Unione di Comuni “Colline di Langa e del Barolo” e dall’Enoteca regionale del Barolo con l’approvazione della Regione Piemonte e del Distretto dei Vini “Langhe Roero e Monferrato”. La Strada del Barolo e dei grandi vini di Langa mette in mostra la ricchezza enogastronomica, culturale, architettonica e ambientale del territorio della Langa di Barolo.

Un viaggio nel cuore delle Langhe

La Strada del Barolo e grandi vini di Langa è un appassionante viaggio nel cuore e nello spirito delle Langhe: protagonista indiscusso il vino, ma sullo sfondo emergono in contrappunto il patrimonio di cultura e tradizioni, l’esuberanza della natura a regalare l’incanto di paesaggi mutevoli, il carattere forte ma cordiale della gente di Langa ad accogliere i visitatori.

La Strada unisce i comuni di Alba, Barolo, Castiglione Falletto, Cherasco, Diano d’Alba, Dogliani, Grinzane Cavour, La Morra, Monchiero, Monforte d’Alba, Montelupo Albese, Novello, Roddi, Roddino, Rodello, Serralunga d’Alba, Sinio e Verduno: uno degli scenari più affascinanti che il territorio piemontese possa offrire, luogo d’origine di alcuni fra i rossi piemontesi più noti al mondo.

Continua qui

mercoledì 17 giugno 2015

“Sicuri sul sentiero” con il Club alpino italiano

Domenica 21 giugno la giornata nazionale della sicurezza in montagna


Convegni, conferenze, presidi di sentieri, ferrate, falesie e grotte, attività tecniche e dimostrazioni di soccorso in parete. Domenica 21 giugno il Club alpino italiano e il Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico organizzano nelle località montane di tutta Italia la quindicesima di «Sicuri sul sentiero». Si tratta della giornata nazionale che ogni anno intende parlare ai frequentatori delle Terre alte della prevenzione degli incidenti in montagna tipici della stagione estiva, fornire utili consigli e dare materiale informativo. 

Progetto per i giovani
L’appuntamento, organizzato nell’ambito del progetto «Sicuri in montagna», si svolgerà in 46 località di 11 regioni italiane. Lo scopo principale dell’iniziativa è creare sensibilità, ovvero, accrescere la consapevolezza dei rischi e dei limiti personali accettabili nella frequentazione dell’ambiente montano ed ipogeo, soprattutto in quanti, lontani dal mondo del Cai, senza l’aiuto di una guida alpina, si avvicinano alla montagna con scarsa consapevolezza.

Continua qui

lunedì 15 giugno 2015

Castello della Pietra, Val Vobbia (GE)


I lavori al Castello della Pietra stanno terminando; è stato ripristinato completamente il sentiero di accesso e realizzate e sistemate due nuove passerelle metalliche per l'accesso in sicurezza al castello ed al torrione.

Il Castello sarà riaperto al pubblico domenica 5 luglio e le visite guidate saranno possibili tutte le domeniche e festivi fra le 10.30 e le 17.30, ed anche su prenotazione (010.944175) per gruppi organizzati.


Parco Antola (pagina facebook)

Parco Naturale Regionale dell'Antola (sito web)

Il Castello della Pietra 


domenica 14 giugno 2015

Maltempo al Nord, morti due escursionisti colpiti dai fulmini

Le vittime in Valtellina e sulla Marmolada. Violenti temporali in Lombardia e Liguria, smottamenti in Piemonte. Miglioramento solo da mercoledì sera

Il caldo si prende una pausa al Nord, bersagliato da violenti temporali che hanno provocato smottamenti e due morti. Si tratta di due escursionisti che hanno perso la vita dopo essere stati colpiti da un fulmine. La prima vittima è stata folgorata questa mattina a Punta Penia, a 3.343 metri, sulla Marmolada. L'alpinista colpito faceva parte di una comitiva che percorreva una via ferrata, sul confine tra le province di Trento e Belluno. Sono state ferite anche altre persone. Sul posto sono intervenuti gli uomini del soccorso alpino del Trentino con base a Canazei. I feriti sono stati trasportati agli ospedali di Trento e Belluno dagli elicotteri di Trentino emergenza e del Fuem di Belluno.

Altri due escursionisti sono invece stati colpiti da un fulmine sulle Alpi Orobie, nel territorio di Albaredo, in Valtellina. Secondo quanto riferisce il 118, uno dei due ha dato l'allarme spiegando che il compagno non dava segni di vita. La folgorazione è avvenuta in una zona impervia. Causa il maltempo che da stamattina ha investito la zona dell'incidente, in quota, sono state ora mobilitate pure le squadre da terra del Soccorso Alpino della VII Delegazione di Valtellina e Valchiavenna con i militari della Guardia di Finanza.


Continua qui 

Trovato morto l’escursionista genovese scomparso in Valle Gesso

 

 

venerdì 12 giugno 2015

Un viaggio-evento lungo il Cammino di Don Bosco

Dal 26 al 30 Giugno viaggeremo lungo il Cammino di Don Bosco, un nuovo percorso ad anello che parte e arriva da Torino e tocca i principali luoghi della vita del santo di cui quest’anno si celebra il bicentenario della nascita.
L’itinerario è documentato sul sito www.camminodonbosco.it , dal quale è possibile scaricare le tracce del percorso, comunque provvisto di segnaletica, e sul territorio è disponibile una mappa gratuita. Iscriviti alla pagina Facebook del Cammino per seguire il nostro viaggio “in diretta”!

Visita la pagina facebook del cammino

Il Movimento Lento


mercoledì 10 giugno 2015

martedì 9 giugno 2015

Expo Milano: un film per l’Antola

Le bellezze naturalistiche del parco alle spalle di Genova

Genova - Uno spettacolare video, con immagini di bellezza mozzafiato, sulle bellezze naturalistiche e paesaggistiche del Parco dell’Antola, è stato protagonista ieri a Expo Milano 2015.

Il video realizzato dall’ufficio comunicazione della Città metropolitana, con foto di straordinaria bellezza, è stato applaudito dopo la presentazione del consorzio Valli dell’Antola, formato da una ventina di comuni delle valli Trebbia e Scrivia: una rassegna di paesaggi, panorami, monti, pascoli, torrenti ricchi d’acque, animali selvatici e domestici, fiori, alberi, prodotti della terra e prodotti di trasformazione, antiche abitazioni rurali, castelli, reperti di vita e tradizioni contadine, che rendono questa terra nel cuore dell’Appennino Ligure un angolo di paradiso dove si uniscono natura e tradizioni, a due passi dal mare.

lunedì 8 giugno 2015

Rigantoca annullata

Il 7 giugno 2015 purtroppo la nostra sezione ha subito una grave perdita: il socio Stefano Cocuzza è morto in un incidente in montagna.
In segno di lutto l'edizione 2015 della Rigantoca sarà annullata.


 

domenica 7 giugno 2015

Terribile domenica in montagna: 5 morti e 3 feriti

Belluno - È un bilancio di sangue quello registrato in montagna nella prima domenica di marzo. Uno sciatore morto e due feriti gravi sono l’epilogo di una slavina caduta stamane sul pendio della Forcella del Cristallino, nel bellunese. In Val Senales due escursionisti tedeschi hanno perso la vita nei pressi del lago di Vernago precipitando, forse a causa del ghiaccio, da un sentiero per un centinaio di metri. Un copione che si è ripetuto anche a Cornolade, sempre nel bellunese, dove una coppia è scivolata lungo un canalone finendo in un torrente ghiacciato: l’uomo è morto mentre la ragazza è rimasta ferita. In località Campo de’ Boi, sopra Lecco, infine, un escursionista di 71 anni è morto dopo una caduta di 15 metri.

A perdere la vita nella slavina della Forcella del Cristallino è stato Tiziano Favero, 44 anni, di Valle di Cadore; i feriti, in condizioni disperate, sono due volontari del Soccorso Alpino, un 29enne di Calalzo e un 36enne di Perarolo. Quest’ultimo è stato trasportato dall’eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore all’ospedale di Treviso, mentre il primo è stato accompagnato dall’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano in quello di di Trento.

Continua qui

Escursionista genovese precipita e muore

 

 

mercoledì 3 giugno 2015

Sabato 6 e domenica 7 giugno: Trekking con gli asinelli

Continua qui: La Pietra Verde

Le foto sono qui


I giorni neri del Monviso: tre scalatori morti nell’arco di poche ore

Ieri una coppia in cordata è precipitata, lunedì era toccato a un 59enne di Biella caduto per cinquecento metri


Il Monviso, la montagna simbolo del Piemonte
Andrea Garassino
Crissolo (CN)

Li hanno visti precipitare insieme, legati alla stessa fune. Un volo di almeno 50 metri e il tonfo sulla neve, tra le rocce, seguito da un silenzio irreale. Gli alpinisti francesi che li avevano incrociati poche ore prima sostengono che si tratti di una donna e un uomo, quarantenni, italiani, con l’accento piemontese. In cordata stavano affrontando punta Venezia, una vetta delle Alpi Cozie di 3095 metri, nel gruppo del Monviso, in alta valle Po. Sono stati loro a dare l’allarme. Erano le 15. L’elisoccorso con medici e alpinisti ha tentato di raggiungere l’immensa pietraia, ma nebbia e nubi basse l’hanno impedito. Le squadre di soccorritori le ha lasciate a valle, e a piedi hanno raggiunto la zona dell’incidente. «Abbiamo ripercorso il giro che hanno fatto i due alpinisti - racconta Marco Curti del Soccorso alpino di Crissolo – ma non li abbiamo avvistati da nessuna parte. Grazie alle nostre ricognizioni sulla parete, possiamo escludere tutta una serie di luoghi e concentreremo le ricerche sul versante Est della montagna, quello più probabile dove potrebbero essere precipitati».

Continua qui 

La salita al Monviso, il Re di Pietra

 

 

Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog