giovedì 27 novembre 2014

lunedì 17 novembre 2014

Domenica 23 novembre: Il sentiero delle Batterie (GE)

Splendida escursione nel Parco Naturale di Portofino

Splendida escursione, di impegno medio-alto, immersi in una lussureggiante vegetazione mediterranea, con ampie panoramiche sul Golfo di Genova dalle alte scogliere del promontorio. Si visita il borgo di San Fruttuoso, luogo unico, dove l'opera dell'uomo ha trovato la perfetta fusione con l'opera della natura. Incastonato in una stretta baia, il borgo è dominato da un’abbazia benedettina, covo di pirati, umile abitazione di pescatori e poi per secoli proprietà dei principi Doria e dalla Torre Doria. Questo gioiello sul mare veglia ai piedi del Monte di Portofino da oltre mille anni.

Continua qui

Associazione Via del Mare

Anche su Facebook 

 

 

sabato 15 novembre 2014

Ritrovati morti i due militari dispersi sul Gran Sasso

Si tratta di due giovani di 21 e 26 anni. I due uomini erano scivolati in un dirupo

ROMA - Sono stati trovati morti entrambi i militari scivolati sul ghiaccio e finiti a circa 2100 metri di quota sul Gran Sasso. Si tratta di due giovani in servizio attivo nella caserma Alpini dell'Aquila, originari della Puglia. Si chiamavano Giovanni De Giorgi, 26 anni, di Galatina (Lecce) e Massimiliano Cassa (28) di Corato (Bari). Forse alla base dell'incidente la nebbia in quota che avrebbe disorientato i due alpini, partiti al mattino da Campo Imperatore, in una zona innevata. Per la ricognizione dell'area impiegato un elicottero della Forestale decollato da Rieti. Sul posto personale di Soccorso Alpino, Forestale, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco.  

Continua qui

giovedì 13 novembre 2014

La Via del Mare: da Milano a Portofino


Mappa-brochure-Via-del-Mare2

La provincia di Pavia ha un suo grande itinerario escursionistico, pensato e studiato da AVM sul territorio pavese ed esteso alle province di Milano, Alessandria, Piacenza e Genova. La Via dei Mare ha inizio a Milano e, dopo circa 200 km suddivisi in 6 tappe, raggiunge Portofino, sulla Riviera ligure (GE), toccando Pavia, Voghera, Varzi, Torriglia e Uscio.

La Via del Mare è un magnifico itinerario turistico, per escursionisti a piedi, in bicicletta e a cavalllo che permette di scoprire un mondo variegato di natura, cultura, tradizioni locali ed enogastronomia.
I territori attraversati si estendono dalla pianura di Milano, Pavia e Voghera, fino al magnifico promontorio di Portofino, gioiello della Riviera Ligure di Levante, passando per i colli dell'Oltrepò Pavese e i monti e i crinali delle Valli Staffora, Curone, Borbera, Trebbia, Scrivia e Fontanabuona.
Le Tappe

1. Milano - Pavia, 34 km - pianura
2. Pavia - Voghera, 35 km - pianura
3. Voghera - Varzi, 37 km - 480 m dislivello piositivo
4. Varzi - Capanne di Cosola, 20 km - 1480 m dislivello positivo
5. Capanne di Cosola - Rifugio Antola, 16 km - 630 m dislivello positivo
6. Rifugio Antola - Uscio, 29 km - 820 m dislivello poistivo
7. Uscio - Portofino, 23 km - 950 m dislivello poistivo


Continua qui

mercoledì 12 novembre 2014

La nuova sfida al mistero del Cerro Torre

Partita da Courmayeur la spedizione «Patagonia a 360°»: l’obiettivo è scalare la mitica cima

Un’immensa parete granitica di 900 metri di dislivello in una delle zone più meridionali della Patagonia argentina, un grande fungo di ghiaccio alla sommità che ne complica l’uscita e condizioni climatiche spesso proibitive. Per molti rimane «La montagna delle montagne», un «grido di pietra» a lungo semplicemente inavvicinabile e che ancora oggi – nonostante le diverse ripetizioni – è vista come una delle ascensioni più difficili al mondo.

Fonte

sabato 8 novembre 2014

Liguria: visioni celestiali nel Parco dell'Antola

Con le aperture stagionali dell'osservatorio astronomico, uno dei luoghi più affascinanti dell'entroterra ligure svela i misteri dell'universo. Giorno e notte.

 

Era la meta prediletta dei Genovesi già nel Medioevo ed ancora oggi il Parco Naturale Regionale dell'Antola è considerato uno dei luoghi più suggestivi dell'entroterra ligure. La sua posizione privilegiata tra le montagne e il mare lo rende la metà perfetta per chi desidera una vacanza all'insegna della natura ma anche della storia e della cultura del nostro Paese. Adagiato a ridosso del confine con il Piemonte e l'Emilia Romagna si offre ai suoi visitatori come un sorprendente insieme di paesaggi che spaziano da valli verdeggianti, a borghi pittoreschi, sino a vette imponenti e coste mozzafiato.


FOTO: I PARCHI NAZIONALI D'ITALIA

 

Continua qui

venerdì 7 novembre 2014

Vie verdi dell'acqua - Anello azzurro (NO)



Omegna

Dal Forum di Omegna si sale per la scalinata che conduce al vicolo Isonzo. Al termine del vicolo si volta a destra e appena prima del passaggio a livello a sinistra, in via Pacinotti: si prosegue lungo la ferrovia lasciando la stazione di Omegna sulla destra.
Proseguendo sempre diritto e passando sotto un viadotto, si raggiunge l'abitato di Borca. Presa via Borca, al bivio si tiene la destra e in breve, superato un voltone, si arriva alla chiesa di San Gottardo.
Dalla chiesa si deve salire, piegando verso sinistra e seguendo il sentiero che parte a sinistra dell'ultima casa (segnavia bianco rosso), presentando subito una salita ripida. Si continua poi nel bosco, con il lago alla destra.
Dopo circa 300 metri s'incontra un bivio, dal quale si prende il sentiero che prosegue diritto a mezza costa (quello a sinistra sale verso Agrano).

Pettenasco

Il sentiero conduce a Crabbia: dove inizia la strada asfaltata si volta a sinistra seguendo via ai Monti. Presto la strada diviene sterrata e inizia a salire nel bosco; al bivio si tiene la destra (a sinistra si va ad Agrano e al monte Croce, o monte Barro o Crabbia) e si continua sempre diritto.
Si supera sulla destra un igloo verde e al bivio si tiene la sinistra passando tra i canneti (sulla destra c'è il Centro d'Ompio). Si percorre la discesa, lasciando a sinistra una vasca dell'acquedotto di Pettenasco, fino all'incrocio con la strada che porta al monte Croce.
Qui si gira a destra verso Pratolungo. La discesa ripida, su sterrato, ben presto diviene asfaltata. Su prosegue lungo via Regione Barro: allo stop (a destra c'è il circolo) si volta a sinistra e poi subito a destra, costeggiando l'area attrezzata per i picnic.
Si raggiunge la chiesa della Madonna della Neve e si prende a destra, in discesa, per via Prea Grossa. La strada asfaltata, ripidissima, successivamente diventa sentiero. Si arriva alla base della discesa passando sotto il viadotto della ferrovia Novara - Domodossola, a Pettenasco, per voltare subito a sinistra e raggiungere l'imbocco della valle del Pescone, fino all'area picnic Paganetto.
Il percorso segue per un breve tratto la ferrovia, per poi salire rapidamente nel bosco.

Continua qui

Le foto di oggi 

 

mercoledì 5 novembre 2014

martedì 4 novembre 2014

VAL BORBERA (AL) - Da Capanne di Cosola al Legnà. E dal Legnà a Daglio

Partenza:  Capanne di Cosola (mt. 1.493)
Arrivo: Daglio (mt. 957)
Lunghezza del percorso (a/r): circa 20 km


Cambiare idea in corsa: ogni tanto ho il vizio di farlo, ma non sempre gli esiti sono dei migliori. E’ il caso di questa volta, quando partito deciso a seguire un itinerario, l’ho abbandonato a circa metà percorso seguendo un sentiero nuovo, che mi ha portato…a casa appena prima che facesse buio. E’ andata bene, và.
Metà agosto, voglia di inaugurare le ferie con una bella escursione in alta montagna. Ho pensato alle Capanne di Cosola, come partenza: arrivo al Carmo, una bella traversata che non percorro da qualche tempo. La mattina è calda, il cielo sereno con qualche piccola velatura, ma nonostante tutto il tempo sembra essere propizio per una bella camminata.
Raggiungiamo con la macchina le Capanne e percorriamo un tratto della strada asfaltata per Bogli e Artana, parcheggiando in un piccolo slargo poco distante. Scarponi, zaino e si va: per alcune centinaia di metri sull’asfalto, poi appena troviamo il sentiero, non segnalato ma riconoscibile, saliamo con un piccolo strappetto innestandoci sul sentiero numero 200 proveniente dalle Capanne di Cosola. Davanti a noi, la prima salita verso il Cavalmurone. Il panorama è una gioia per gli occhi: sulla nostra destra una splendida vista dell’alta Val Borbera, mentre sul lato opposto ecco il Lesima, imponente con la sua palla in cima e, poco più in là, spunta il profilo minaccioso dell’Alfeo.

Continua qui

sabato 1 novembre 2014

Addio ai progetti di pale eoliche lungo i crinali dell’Appennino tra Val Borbera e Val Curone

Decaduto anche l'ultimo ricorso al Tar riguardante le torri sui monti Ebro e Giarolo

Sui crinali tra Val Borbera Val Curone e Valle Staffora non saranno costruite le torri con le gigantesche pale per creare energia elettrica grazie al vento


CABELLA LIGURE
Pietra tombale per i sei maxi impianti eolici previsti sui crinali tra Val Borbera e Val Curone. Una vera corsa, partita nel 2010, ad accaparrarsi i profitti sulle energie rinnovabili tra diverse società concorrenti. La Equipe Giarolo Energia di Bergamo aveva proposto 42 torri tra i monti Ebro e Giarolo, ma aveva ottenuto solo l’assenso del Comune di Cabella Ligure, con il quale sottoscritto anche una convenzione. A sua volta, Enel Green Power si era fatta avanti depositando un progetto da 37 aerogeneratori tra Ebro, Giarolo, Chiappo e Boglelio, interessando anche il territorio lombardo. Di poco successiva la proposta della Concilium, 66 torri sulle stesse vette indicate dalla Enel Green Power. Per questi tre progetti le domande erano state presentate in Provincia tra ottobre e dicembre 2010. Avviati gli iter, l’anno successivo ancora Enel Green Power, addirittura con altri due progetti: 17 torri sempre tra Ebro e Giarolo e altre 11 tra Chiappo e Boglelio sul versante di Santa Margherita di Staffora, in Lombardia. 

Continua qui
Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne.

Immanuel Kant

Lettori fissi

Di tutte le cose che la saggezza procura per ottenere un'esistenza felice, la più grande è l'amicizia.

Epicuro

Archivio blog